Meditazione: la riscoperta della Gioia

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Meditazione: la riscoperta della Gioia
Meditazione: la riscoperta della Gioia
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

La meditazione non è un’ azione da compiere , è piuttosto uno stato dell’essere, una condizione in cui ci si ritrova: non si può fare meditazione , si può essere in uno stato meditativo e lasciare che la meditazione accada da se’. Le tecniche di meditazione  contribuiscono a creare lo spazio necessario , a creare lo stato di attesa gioiosa che rende possibile la meditazione.

Le tecniche di meditazione possono essere trasmesse ed insegnate , ma non e’ possibile insegnare a qualcuno come meditare. Le tecniche implicano sempre uno sforzo mentre la meditazione e’ totale assenza di sforzo. Le tecniche permettono di rimuovere l’ oscurità creata dagli strati che si sovrappongono alla vera essenza. Praticare le tecniche non da’ alcuna garanzia di arrivare alla meditazione  ma e’ anche vero che e’ necessario favorire il  fiorire della meditazione rimuovendo gli ostacoli  e preparando il terreno.

Tutta la nostra vita e’ imposta sullo sforzo, sulla tensione al miglioramento,per questo e’ molto difficile arrivare all’assenza di sforzo:dobbiamo sperimentare tutti gli sforzi possibili  per capire che quello che abbiamo cercato di raggiungere e’ sempre stato a nostra disposizione. Come amano dire i maestri zen; ” per vedere chiaramente la nostra immagina dobbiamo solamente pulire lo specchio”.

Lo yoga ed il tantra paragonano lo stato di consapevolezza in cui viviamo , ad uno stato di sogno in cui perdiamo coscienza della vera realta’ e della nostra vera natura.

Meditazione e” arrivare a percepire noi stessi come l’ intero Universo e sentirci in comunione con ogni forma di vita. Piu’ si medita , piu’ si diventa creatori del sogno. I pensieri ,le emozioni contribuiscono a creare le circostanze in cui ci si ritrova. In tal modo non si e’ piu’ vittima inerme delle circostanze esterne  ma  al contrario con i pensieri con le emozioni  si contribuisce a creare il mondo in cui si vive. E’ possibile cosi’ scegliere e creare la propria realta’. Forse non e’ possibile cambiare le circonstanze in cui ci si ritrova, ma si puo’ senz’ altro decidere di cambiare l’ atteggiamento verso di esse.

Piu’ il livello di consapevolezza aumenta piu’ ci si rende conto che l’ essere felice o infelice e’ solamente una questione di scelta. Nello stato meditativo si prova un’ immensa gioia , un senso di pienezza e di unione con tutto cio’ che vive.

Meditare e’ entrare  profondamente dentro se stessi, liberarsi dai sensi di colpa , e’ accettare tutto di se  gli aspetti positivi  e quelli che la mente giudica negativi. Chi si avvicina alla meditazione deve imparare ad amare se stesso . Per giungere alla meditazione e’ necessario superare l’ attaccamento al dolore, essere disposti a lasciar andare tutto il nostro dolore.

La maggior parte dei messaggi che ci vengono dati , attraverso l’ educazione, trasmessi dai mezzi di informazione o imposti dai modelli sociali e’ basata sul dolore: sembra esistere nella nostra societa’, rappresentata dai telegiornali, un piacere morboso nel sottolineare gli aspetti piu’ tragici dell’ esistenza  e nel mettere in secondo piano la bellezza e la Gioia. A causa di questa visione negativa che e’ profondamente radicata in noi e’ molto difficile creare esperienze positive e gioiose.

Molte volte tutti noi facciamo grandi sforzi per renderci infelici , sicuramente spendiamo piu’ energie per preservare il nostro stato di infelicita’ di quante non ne impieghiamo per essere felici. Siamo stati abituati che perseguire la nostra felicita’ sia un atto di egoisno, pensiamo spesso di non avere diritto alla Gioia in un mondo cosi’ pieno di sofferenza. Dovremmo capire che con la nostra felicita’ rendiamo migliore il mondo in cui viviamo, perche’ la realta’ esteriore non e’ che la proiezione delle condizioni interiori.

Meditare significa imparare la Gioia , sintonizzare tutto il nostro essere sulla frequenza della Gioia in modo da poterla percepire su ogni cosa . Per fare questo e’ necessario cancellare la programmazione negativa basata sul dolore e  sostituirla con una programmazione positiva basata sulla Gioia.

Attraverso la meditazione, l’ adulto puo’ ritrovare la gioia del bambino in modo consapevole.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:
About giusanna 6 Articles
nata ad oppido mamertina in provincia di reggio calabria.Sono un' esperta di cultura orientale in modo particolare mi occupo di estremo oriente.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.