Gli extraterrestri sono umanoidi simili a noi ..

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Gli extraterrestri sono umanoidi simili a noi ..
Gli extraterrestri sono umanoidi simili a noi ..
Condividi l'Articolo

“Evoluzione aliena” – una teoria prevede che gli extraterrestri saranno simili a noi. Abbiamo un solo esempio noto di forma di vita intelligente, la vita sulla Terra, da cui estrapolare informazioni. Gli approcci passati nel campo dell’astrobiologia sono stati in gran parte meccanicistici, prendendo ciò che vediamo sulla Terra e ciò che sappiamo di chimica, geologia e fisica per fare previsioni sugli alieni.

Mettendo da parte eventi casuali come l’asteroide largo 20 chilometri che ha distrutto il regno dei dinosauri dopo 150 milioni di anni di dominio sul pineta e ha aperto la strada per l’evoluzione dei mammiferi, e degli umani, un’eventuale specie aliena potrebbe essere potenzialmente modellata dagli stessi processi e meccanismi che hanno modellato gli esseri umani, come la selezione naturale. “Un compito fondamentale per gli astrobiologi è pensare a come potrebbe essere la vita extra-terrestre“, ha detto Sam Levin, dell’Università di Oxford.

Immagine tratta dal film di Ridley Scott, Prometheus. Illustra una delle scene iniziali, quando l’Ingegnere, la creatura aliena blu lin piedi vicino alla cascata, decide di bere la sostanza nera per sciogliere la propria struttura e diffondere la vita sulla Terra attraverso il proprio DNA. Quello che vediamo è l’inizio è la creazione della Terra. Una gigantesca nave è scesa sulla Terra per abbandonare l’ingegnere in modo che possa terraformare il pianeta e renderlo sostenibile per la vita.
Immagine tratta dal film di Ridley Scott, Prometheus. Illustra una delle scene iniziali, quando l’Ingegnere, la creatura aliena blu lin piedi vicino alla cascata, decide di bere la sostanza nera per sciogliere la propria struttura e diffondere la vita sulla Terra attraverso il proprio DNA. Quello che vediamo è l’inizio è la creazione della Terra. Una gigantesca nave è scesa sulla Terra per abbandonare l’ingegnere in modo che possa terraformare il pianeta e renderlo sostenibile per la vita.

Ma fare previsioni sugli alieni è difficile“, ha aggiunto Levin. “Abbiamo un solo esempio noto di forma di vita intelligente, la vita sulla Terra, da cui estrapolare informazioni. Gli approcci passati nel campo dell’astrobiologia sono stati in gran parte meccanicistici, prendendo ciò che vediamo sulla Terra e ciò che sappiamo di chimica, geologia e fisica per fare previsioni sugli alieni“.

 

Ci sono centinaia di migliaia di pianeti potenzialmente abitabili solo nella nostra galassia. Non possiamo ancora dire se noi terrestri siamo o meno soli nell’universo, ma abbiamo fatto un piccolo passo avanti nel rispondere, nel caso non fossimo soli, a come potrebbero essere fatti i nostri possibili vicini “, ha detto Levin.

Immaginando che anche una specie intelligente aliena sia stata sottoposta a importanti transizioni, che è il modo in cui è sorta la complessità delle specie sulla terra, possiamo dire che c’è un livello di prevedibilità all’evoluzione che dovrebbe farli apparire come noi“, ha osservato Levin.

In uno studio del 2017 pubblicato sull’International Journal of Astrobiology, gli scienziati dell’Università di Oxford hanno dimostrato per la prima volta come la teoria evolutiva può essere utilizzata per supportare previsioni sulla morfologia degli alieni e comprendere meglio il loro comportamento.

La teoria supporta l’argomento secondo cui forme di vita aliene dovrebbero essersi evolute passando per un processo evolutivo filtrato dalla selezione naturale e, alla fine, devono necessariamente essersi evoluti in una forma che gli consenta la massima efficienza, come nel nostro caso.

Nel nostro documento, offriamo un approccio alternativo, che consiste di usare la teoria evolutiva per fare previsioni che siano indipendenti dai dettagli di quanto accaduto sulla Terra. Si tratta di un approccio utile, perché queste previsioni teoriche sono applicabili ad eventuali specie aliene, anche se a base di silicio, abbiano qualcosa di diverso dal DNA e respirano azoto, per esempio“.

Usando questa idea di selezione naturale aliena come cornice, il team ha affrontato l’idea di come l’evoluzione extra-terrestre e la biologica possa svilupparsi su altri pianeti.

La complessità delle specie è aumentata sulla Terra come risultato di una manciata di eventi, noti come transizioni maggioriQueste transizioni si verificano quando un gruppo di organismi separati evolve in un organismo di livello superiore, quando le cellule diventano organismi multicellulari, per esempio. Sia la teoria che i dati empirici suggeriscono che sono necessarie condizioni estreme per il verificarsi delle principali transizioni.

Il documento fa anche previsioni specifiche sulla possibile composizione biologica di eventuali alieni complessi e offre una stima approssimativa di come potrebbero apparirci.

Non possiamo ancora dire se gli alieni, se e quando li troveremo, cammineranno su due gambe o avranno grandi occhi verdi. Ma riteniamo che la teoria evolutiva ci offra uno strumento aggiuntivo unico per cercare di capire come saranno, e abbiamo mostrato alcuni esempi delle previsioni che possiamo fare con esso“, ha osservato Levin.

Pensiamo che, come gli umani, saranno costituiti da una gerarchia di entità, che cooperano tutte per produrre un individuo. A ogni livello dell’organismo ci saranno meccanismi per eliminare i conflitti, mantenere la cooperazione e mantenere l’organismo funzionante. Possiamo anche offrire alcuni esempi di quali potrebbero essere questi meccanismi“.

Fonte: Daily Galaxy, Università di Oxford

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.