Asi e Nasa, la collaborazione per il ritorno sulla Luna nel 2026

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

Asi e Nasa, la collaborazione per il ritorno sulla Luna nel 2026
Asi e Nasa, la collaborazione per il ritorno sulla Luna nel 2026
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Torneremo sulla Luna nel 2026 e sarà merito del genio italiano che ha progettato il nuovo MPH. Si avvicina il grande ritorno dell’uomo sulla Luna, e la data più probabile resta il periodo compreso fra la fine del 2025 e l’inizio del 2027, quindi fra circa 3 anni o poco più. Un argomento che è stato ampiamente trattato ieri in occasione della conferenza stampa rilasciata dall’Agenzia Spaziale Italiana, l’Asi, alla presenza del numero uno Giorgio Saccoccia, tenutasi presso l’ambasciata degli Stati Uniti a Roma.

“Quella con l’Italia è una collaborazione straordinaria”, ha detto l’amministratore della Nasa, Bill Nelson. Già, proprio così, perchè il modulo MPH che permetterà appunto agli astronauti di rimettere piede sul nostro satellite, sarà di fabbricazione italiana. Nel dettaglio, all’Asi è stata affidata la progettazione del modulo abitativo e destinato alla ricerca sulla superficie Lunare, il primo dei Lunar Surface Multi-Purpose Habitation (MPH).

Torneremo sulla Luna nel 2026 e sarà merito del genio italiano che ha progettato il nuovo MPH“È un momento fantastico, con le collaborazioni tra Italia e Stati Uniti al loro apice, insieme stiamo avviando un viaggio per tornare, per restare, sulla Luna”, le parole del presidente Saccoccia. Thomas D. Smitham ha aggiunto: “Gli Stati Uniti e l’Italia condividono una storia di collaborazione nello spazio lunga sessant’anni, e che durerà per molti anni a venire”. Di nuovo Saccoccia: “Questo accordo ha un valore simbolico che va ben oltre il suo contenuto, ma è un punto di partenza importante dell’attuazione della volontà di essere un partner importante per Artemis. Sarebbe il primo elemento abitativo sulla Luna, davvero un grandissimo risultato”.

Torneremo sulla Luna nel 2026 e sarà merito del genio italiano che ha progettato il nuovo MPHSecondo la Nasa, l’Agenzia Spaziale Italiana, la missione lunare, come detto sopra, dovrebbe avvenire a breve: “La data più probabile per l’arrivo del prossimo uomo e la prima donna sulla Luna è verso la fine del 2025; faranno parte di un equipaggio di quattro persone, con due che rimarranno sulla navicella Orion in orbita intorno alla Luna”. L’intesa fra la Nasa e l’Asi prevede che l’agenzia italiana realizzi uno studio, assieme all’industria italiana, per elaborare un progetto conforme agli obiettivi della missione Artemis e ovviamente ai requisiti forniti dall’agenzia a stelle e strisce. Quest’ultima, invece, si impegnerà a supportare l’agenzia tricolore fornendo informazioni tecniche e programmatiche aggiornate sul programma.

FONTE: Ansa.it

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.