Ali fotovoltaiche arrotolabili per volare nello spazio

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Ali fotovoltaiche arrotolabili per volare nello spazio
Ali fotovoltaiche arrotolabili per volare nello spazio
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

Un futuro a tinte “ROSA”. La NASA vanta un progetto dalle grandi potenzialità. L’acronimo sta per “Roll-Out Solar Array”.

Spesso sentiamo dire che quella solare è l’energia del futuro. Ma gli impianti fotovoltaici hanno anche delle problematiche che solo attraverso una costante ricerca e l’applicazione di nuove tecnologie possono essere risolte. Una di queste è il loro ingombro: un privato che voglia passare all’energia solare deve trovare una superficie disponibile adatta ad ospitare l’impianto e con dimensioni sufficienti ad accogliere il numero di pannelli necessari. Il problema dell’ingombro coinvolge anche lo spazio: i satelliti e altre tipologie di veicoli spaziali sono dotati di vere e proprie “ali fotovoltaiche” che dispiegano a mo’ di fisarmonica quando la sonda entra in orbita e comincia a funzionare. Per risolvere questa problematica, la NASA ha studiato un sistema che permette di realizzare dei pannelli FV srotolabili: è il progetto ROSA (Roll-Out Solar Array). Il concetto è rivoluzionario in quanto all’insegna di una duplice economia di spazio: i nuovi pannelli prima si dispiegano, come quelli standard, e poi si srotolano.

Varie le applicazioni

Le barche potrebbero beneficiarne

Il vantaggio, segnalato dagli scienziati che hanno lavorato al progetto, è semplice: costruire satelliti più piccoli, e quindi più economici. Ma i pannelli solari flessibili o arrotolabili vengono impiegati anche in altri settori. Un esempio è l’installazione su barche, dove sono indicati in quanto, oltre ad essere più resistenti, è possibile riporli dopo l’uso. Ci sono anche gli aspetti negativi: i pannelli arrotolabili sono più costosi e richiedono una maggiore superficie per produrre la stessa quantità di energia, ma future innovazioni tecniche fanno ben sperare sull’abbattimento dei costi.

Tre le principali diverse tipologie

Come sono fatti i pannelli arrotolabili? Possiamo identificare tre tipologie: i monocristallini, costosi ma con un’alta resa energetica, costituiti da numerose celle di silicio cristallino puro; i policristallini, più disomogenei e con cristalli orientati in diverse direzioni, che costano meno ma hanno resa inferiore; i pannelli amorfi, realizzati spruzzando silicio fuso su un supporto, la tecnologia per produrre pannelli flessibili.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.