Nuovo ciclo solare con bassa attività magnetica

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Nuovo ciclo solare con bassa attività magnetica
Nuovo ciclo solare con bassa attività magnetica
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Il Sole si è risvegliato, comincia un nuovo ciclo. Potrebbe essere piuttosto debole, come il precedente. Il Sole si è risvegliato e sta scaldando i suoi motori magnetici: è iniziato infatti il suo nuovo ciclo, che ne scandisce l’attività in fasi di 11 anni. Lo hanno annuncio gli esperti della Nasa e dell’Agenzia americana per l’Atmosfera e gli oceani (Noaa), che prevedono anche il graduale aumento di fenomeni legati all’attività solare, come le eruzioni che scagliano sciami di particelle che possono scatenare tempeste magnetiche sulla Terra, con impatti su satelliti e reti sistemi elettriche.
Al momento, però, il Sole appena risvegliato è ancora calmo e si prevede che l’aumento della sua attività possa avvenire molto progressivamente.

A sinistra il Sole durante il massimo solare (aprile 2014), a destra il Sole durante il minimo solare (dicembre 2019) (fonte: NASA / SDO) © ANSA/Ansa
A sinistra il Sole durante il massimo solare (aprile 2014), a destra il Sole durante il minimo solare (dicembre 2019) (fonte: NASA / SDO) © ANSA/Ansa

I cicli solari si alternano tra periodi di massima attività durante i quali aumenta il numero delle macchie solari, e periodi di minima attività, nei quali il numero delle macchie si riduce. Secondo gli esperti l’attività solare ha toccato il minimo nel dicembre 2019, anche se occorrono osservazioni su molti mesi per stabilire il momento preciso. Le spie dell’inizio del nuovo ciclo sono almeno due, ha detto all’ANSA, il fisico solare Mauro Messerotti, dell’Osservatorio di Trieste dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e dell’università di Trieste.

“Il primo indicatore – ha spiegato – è un numero congruo di macchie con polarità magnetica invertita rispetto al ciclo precedente, il secondo è la latitudine a cui compaiono le macchie”. Tutti i gruppi di macchie comparsi negli ultimi mesi avevano latitudini intorno ai 40 gradi Nord e Sud, e sono un chiaro indizio del nuovo ciclo. Generalmente, ha aggiunto, con l’inizio del nuovo ciclo di attività solare “aumentano i brillamenti, che sono rilasci esplosivi di energia e di plasma, e lampi intensi di raggi X e nell’ultravioletto connessi con i brillamenti, ma attualmente sono 26 giorni che il Sole è privo di macchie ed è calmissimo”. E’ normale, ha proseguito, che “possano verificarsi giorni e giorni senza macchie. La salita verso il massimo di attività dura di solito 6 anni ed è progressiva, diciamo che il Sole adesso ‘sta scaldando i motori magnetici'”.

Nasa e Noaa prevedono che il nuovo ciclo sarà simile al precedente, che è stato piuttosto debole. Tuttavia, ha concluso Messerotti, “come sottolineato anche da Nasa e Noaa questo non esclude la possibilità che si verifichino fenomeni di attività anche molto intensi, seppure con frequenza minore”.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.