Dopo 100 anni una nuova ipotesi sul funzionamento dei neuroni

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Dopo 100 anni una nuova ipotesi sul funzionamento dei neuroni
Dopo 100 anni una nuova ipotesi sul funzionamento dei neuroni
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

I fisici ribaltano un’ipotesi centenaria su come funzionano le cellule cerebrali. Il cervello umano contiene poco più di 80 miliardi di neuroni, ognuno dei quali si unisce ad altre cellule per creare trilioni di connessioni chiamate sinapsi. I numeri sono sbalorditivi, ma il modo in cui ogni singola cellula nervosa contribuisce alle funzioni del cervello è ancora oggetto di discussione.

Un team di fisici dell’Università di Bar-Ilan in Israele ha condotto esperimenti su neuroni di ratto cresciuti in una cultura per determinare esattamente come questi rispondano ai segnali che ricevono da altre cellule. Come il Voltron, che ci permetterà di vederli dialogare.i-fisici-ribaltano-un-ipotesi-centenaria-come-funzionano-cellule-cerebrali-

In effetti, uno studio pubblicato nel 2017 ha ribaltato un’ipotesi centenaria su ciò che fa “innescare” esattamente un neurone.

Per capire perché questo è importante, dobbiamo risalire al 1907, quando un neuroscienziato francese di nome Louis Lapicque propose un modello per descrivere come la tensione della membrana di una cellula nervosa aumenta quando viene applicata una corrente. Una volta raggiunta una certa soglia, il neurone reagisce con un picco di attività, dopo di che la tensione della membrana si ripristina. Ciò significa che un neurone non invierà un messaggio a meno che non raccolga un segnale abbastanza forte.

Le equazioni di Lapique non erano l’ultima parola sulla questione. Ma il principio di base del suo modello di integrazione e innesco è rimasto relativamente incontestato nelle descrizioni successive, costituendo oggi il fondamento della maggior parte degli schemi computazionali neuronali.

Secondo i ricercatori, la lunga storia dell’idea ha fatto sì che pochi si fossero preoccupati di chiedersi quanto fosse accurata.

Siamo arrivati ​​a questa conclusione utilizzando una nuova configurazione sperimentale, ma in linea di principio questi risultati avrebbero potuto essere scoperti utilizzando la tecnologia esistente dagli anni ’80“, ha detto il ricercatore capo Ido Kanter all’epoca.

La convinzione, che è stata radicata nel mondo scientifico per 100 anni, ha provocato questo ritardo di diversi decenni“.

Gli esperimenti hanno affrontato la questione da due angolazioni: una ha esplorato la natura del picco di attività in base a dove la corrente veniva applicata, l’altra ha osservato l’effetto che più input avevano sull’innesco di un nervo.

I loro risultati suggeriscono che la direzione di un segnale ricevuto può fare la differenza nel modo in cui un neurone risponde.

Un segnale debole da sinistra che arriva insieme un segnale debole da destra non si combinerà per creare una tensione che dà il via a un picco di attività (come invece credevamo). Ma un singolo segnale forte da una direzione particolare può provocare un messaggio.

Tuttavia, è importante non gettare un secolo di saggezza sull’argomento per un singolo studio. I ricercatori ammettono anche di aver esaminato solo un tipo di cellula nervosa chiamata neurone piramidale, lasciando molto spazio per futuri esperimenti.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.