La fondazione della Wicca

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

La fondazione della Wicca
La fondazione della Wicca
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

In questo articolo prenderemo in considerazione la fondazione della Wicca avvenuta nel 1949 ad opera di Gerard Gardner.

Egli nacque nel 1884 e sin da giovane dimostrò di essere attratto dall’Oriente tanto che visse per diversi anni in quella parte del mondo.

Tornato in Inghilterra venne accolto con entusiasmo negli ambienti della teosofia ed entrò in contatto con una congrega di streghe.

In tale gruppo Gardner conobbe una strega che godeva di grande prestigio all’interno della congrega. Tale strega conosciuta col soprannome di “Vecchia Dorothy“ apparteneva ad una famiglia nella quale si praticava la stregoneria da moltissime generazioni.

Si trattava tuttavia di una stregoneria pagana non basata sul culto del diavolo ma di divinità precristiane.

La ”Vecchia Dorothy” inizio Gardner ai misteri di tale forma di stregoneria nel 1939 .

Gardner denominò Wicca tale forma di stregoneria.

Tuttavia, questa religione magica restò  completamente segreta fino al 1949 , anno nel quale Gardner pubblicò un libro sotto forma di romanzo nel quale si faceva riferimento all’esistenza della neo-stregoneria.

Gardner fu obbligato a scrivere tale libro sotto forma di romanzo dal momento che a quel tempo esisteva in Inghilterra una legge che colpiva quanti praticavano la stregoneria (tale legge venne abrogata nel 1951).

Il 1949 viene considerato l’anno nel quale nacque la Wicca.

Dobbiamo dire che la pubblicazione di tale libro da parte di Gardner suscitò una marea di polemiche dal momento che in esso venivano descritti molti rituali della Wicca.

In ogni caso tali polemiche contribuirono a destare nel pubblico un forte interesse ed una grande curiosità nei confronti della Wicca.

Questo interesse aumentò ulteriormente nel 1954 anno  nel quale Gardner pubblicò un altro libro sulla Wicca non più sotto forma di romanzo ma sotto forma di saggio.

Gardner riuscì in quegli anni ad aumentare notevolmente il numero di adepti della Wicca da lui considerata la più antica religione esistente sul nostro pianeta.

La diffusione della Wicca fu anche favorita dal contesto socioculturale presente in Inghilterra in quel particolare periodo storico.

In particolare, l’abrogazione della legge contro la stregoneria diede modo ai gruppi e ai personaggi legati al mondo della magia di uscire allo scoperto.

Tali persone ebbero infatti la possibilità di far conoscere le loro dottrine senza andare incontro a conseguenze giuridiche.

Nel 1953 avvenne un evento molto importante nella storia della Wicca: Gardner iniziò alla Wicca Doreen Valiante destinata a diventare uno dei personaggi più importanti ed influenti della Wicca.

Ella per molti anni fu la più stretta collaboratrice di Gardner che le affidò compiti di grandissima importanza come ad esempio presiedere tutte le riunioni.

Tuttavia, dal 1957 in poi i rapporti tra Gardner e la Valiante divennero conflittuali per diverse ragioni.

In primo luogo, la Valiante non condivideva il fatto che Gardner aveva la tendenza a spettacolarizzare le dottrine della Wicca nel tentativo di attirare intorno ad esse l’interesse del grande pubblico e dei mezzi di comunicazione di massa.

In effetti Gardner rilasciava numerose interviste ai giornali e faceva in modo di farsi invitare a diverse trasmissioni televisive nel corso delle quali assumeva spesso atteggiamenti tali da far pensare che fosse un individuo alla ricerca di fama.

In secondo luogo, la Valiante fu molto irritata ed indispettita dall’affermazione di Gardner riguardante l’età delle sacerdotesse.

Egli sosteneva  che una sacerdotessa, una volta che avesse superato una certa età doveva cedere il posto a una donna più giovane dal momento che solamente donne giovani potevano rappresentare in maniera adeguata la Dea.

In terzo luogo, la Valiante non condivideva la volontà di Gardner di escludere dalla Wicca ghei e lesbiche, considerando gli individui non graditi alla Dea.

Ella riteneva che dal momento che gli omosessuali erano esistiti in tutte le epoche storiche era volontà della Dea il fatto che dovevano esistere le lesbiche.

In quarto luogo la Valiante contestò l’esistenza della “Legge del Tre” a cui Gardner attribuiva grande importanza.

Tale legge affermava che qualunque cosa veniva inviata in un rito magico tornava indietro triplicata a colui che aveva effettuato il rito magico sia nel bene che nel male.

La Valiante sosteneva che era assurdo ritenere che esistesse una forma speciale di karma valida solamente per coloro che praticavano la magia.

Di conseguenza ella era dell’opinione che tale legge doveva essere considerata una invenzione di Gardner anche perché essa non veniva citata in nessun libro di magia.

Infine, la Valiante a differenza di Gardner che pensava che esistesse una sola tradizione nel mondo della stregoneria era convinta che non esisteva una sola tradizione. Infatti, la stregoneria era sopravvissuta nel corso dei secoli in molti gruppetti isolati e per tale ragione non poteva esistere una sola tradizione ma molte Congreghe con rituali e tradizioni simili ma non identici.

Infine, Gardner e la Valiante ruppero i rapporti cosicché la Congrega si sciolse.

Dopo la rottura tra Gardner e la Valiante si sono formate numerose  correnti all’interno della Wicca anche in conseguenza del forte individualismo presente nei Wiccan.

Concludiamo tale articolo mettendo in evidenza che nella Wicca viene lasciato un certo spazio all’individualità dei Wiccan cosa che favorito la nascita di varie correnti soprattutto dopo la morte di Gardner avvenuta nel 1964 .

Prof. Giovanni Pellegrino

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.