Wolf 1061, esopianeta compatibile con la vita

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Wolf 1061, esopianeta compatibile con la vita
Wolf 1061, esopianeta compatibile con la vita
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

Wolf 1061 è una stella a 14 anni luce dalla Terra: possiede tre pianeti, uno dei quali con condizioni compatibili con la vita. Per sostenere la vita così come la immaginiamo è necessario che un pianeta si trovi alla giusta distanza dalla sua stella per avere acqua liquida in superficie.

Negli ultimi anni è esplosa la ricerca di pianeti potenzialmente in grado di sostenere la vita. Stephen Kane (San Francisco State University), considerato uno dei massimi esperti tra i cacciatori di pianeti, si è concentrato sulla ricerca e lo studio di pianeti che si trovano in quelle che consideriamo zone abitabili attorno ai loro astri: ossia fasce orbitali dove l’acqua potrebbe esistere allo stato liquido sulla superficie di pianeti rocciosi.

Il sistema solare della stella Wolf 1061: Wolf 1061c si trova all’interno della zona abitabile (in verde). | SAN FRANCISCO STATE UNIVERSITY

Recentemente l’attenzione di Kane si è focalizzata su un sistema planetario a 14 anni luce di distanza dalla Terra, Wolf 1061 (noto anche come Gliese 628): «È un sistema importante e promettente, relativamente vicino alla Terra, e questo ci permette di fare approfondite rilevazioni per verificare se su qualcuno dei suoi pianeta ci sono condizioni adeguate a sostenere la vita così come la intendiamo». La sua ricerca è pubblicata su Astrophysical Journal.

FORSE UNO… Il sistema Wolf 1061 ha 3 pianeti, uno dei quali, Wolf 1061c, si trova interamente (ossia per l’intera orbita) all’interno della zona abitabile. Con l’aiuto dei colleghi della Tennessee State University e dell’università di Ginevra (Svizzera), Kane ha condotto una approfondita indagine della stella attorno a cui orbita il pianeta, per ottenere un quadro il più preciso possibile delle condizioni del sistema e del pianeta stesso.

Perché possano sussistere condizioni compatibili con la vita su di un pianeta roccioso, questo non deve essere né troppo vicino né troppo lontano dalla sua stella madre: troppo vicino e sarebbe troppo caldo, molto lontano e non potrebbe esserci acqua liquida.

Il James Webb Space Telescope, in programma per il 2018, studierà in dettaglio l’atmosfera di pianeti extrasolari. | NASA

L’orbita di Wolf 1061c percorre il bordo interno della fascia abitabile: le temperature potrebbero essere piuttosto elevate, a causa di un forte effetto serra. «L’afelio e il perielio, ossia i punti di massima e minima distanza dalla stella, mutano più velocemente nel corso del tempo che non quelli della Terra, che variano a cicli dei centinaia di migliaia di anni, e quindi il suo clima potrebbe essere piuttosto caotico», afferma Kane.

NON C’È CERTEZZA. «Al momento è difficile fare ipotesi ragionevoli su Wolf 1061c: non è da escludere che quando l’orbita lo porta un po’ più lontano dalla sua stella si vengano a creare condizioni adeguate alla vita. Forse è più difficile quando il pianeta è più vicino al suo sole… Le certezze arriveranno forse solo con ulteriori ricerche e mezzi più sofisticati.» Perciò Kane attende il lancio di nuovi telescopi, come il James Webb Space Telescope, che sarà in grado di studiare i componenti dell’atmosfera dei pianeti extrasolari.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.