La sonda spaziale BepiColombo raggiunge Mercurio

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

La sonda spaziale BepiColombo raggiunge Mercurio
La sonda spaziale BepiColombo raggiunge Mercurio
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

La prima foto di BepiColombo, la navicella europea finalmente su Mercurio. BepiColombo vicino Mercurio: lo scatto celebra un successo italiano. Il risultato grazie anche al contributo del nostro Paese, che ha realizzato 4 di 16 componenti.
L’immagine mostra la superficie di Mercurio ma è stata realizzata grazie al contributo di Italia, Europa e Giappone. Lo scatto spaziale infatti è stato realizzato dalla navicella al centro della missione BepiColombo, a cui partecipano l’Agenzia spaziale europea (ESA), l’agenzia spaziale giapponese (JAXA) e l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), insieme all’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) e a La Sapienza Università di Roma.
BepiColombo vicino Mercurio: lo scatto celebra un successo italiano

Lo scatto della sonda realizzata (anche) dall’Agenzia Spaziale Italiana

La sonda è arrivata vicinissima al pianeta più interno del Sistema Solare e quello più prossimo Sole, Mercurio. La distanza minima è stata di 199 chilometri, ma la foto è invece stata realizzata quando lo spazio tra la navicella e la superficie di Mercurio era di 2.428 chilometri. Grazie a un punto di vista più ampio, è possibile osservare che la zona del pianeta immortalata da BepiColombo si caratterizza per la presenza di numerosi crateri.

Quando è partita la missione BepiColombo e quali sono i suoi obiettivi

Il primo scatto, che rappresenta sicuramente un obiettivo importante, tra i vari assegnati alla sonda euro-giapponese, e arriva dopo il lancio, datato 20 ottobre 2018, della navicella da un centro spaziale nella Guyana francese, a Kourou.

Prima di Mercurio, la sonda ha raccolto una spinta nei pressi della Terra (aprile 2020), quindi ha viaggiano in prossimità di Venere (agosto di quest’anno) e qui ha raccolto un’altra spinta abbastanza forte da arrivare in prossimità di Mercurio. Nel 2025 si prevede che la navicella di BepiColombo venga completamente catturata dall’orbita del primo pianeta a partire dal Sole. In occasione dell’avvicinamento a Venere, BepiColombo non era sola: il 9 e il 10 dello stesso mese, infatti, Venere è stato avvicinato da BepiColombo e Solar Orbiter, di ESA e NASA

A quel punto, la sonda di BepiColombo ruoterà intorno a Mercurio per circa 2 anni, inviando sulla Terra numerose immagini, che saranno utilizzate dagli scienziati per capire come è fatta la superficie del Pianeta, come si sviluppa il suo campo magnetico e come si sviluppa l’interazione tra Mercurio e il vento solare.

L’ASI, con l’INAF e La Sapienza ha realizzato 4 dei 16 strumenti a bordo della navicella spaziale di BepiColombo.

Per meglio comprendere il lungo viaggio della missione di ESA e JAXA, forse è utile ripetere quanti e quali sono i pianeti del Sistema Solare.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.