Il doppio attacco del coronavirus alla circolazione sanguigna

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Il doppio attacco del coronavirus alla circolazione sanguigna
Il doppio attacco del coronavirus alla circolazione sanguigna
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

I misteriosi coaguli di sangue nella COVID-19. La scienza inizia a far luce su una delle complicanze più insidiose della COVID-19: diffusi coaguli sanguigni che si manifestano in modo inusuale.

La presenza di coaguli nella circolazione sanguigna è uno degli eventi più pericolosi associati alla covid: i coaguli (grumi di sangue), che ostacolano il normale flusso di sangue ossigenato nell’organismo, si manifestano nel 20-30% dei pazienti ricoverati con sintomi gravi dell’infezione e possono portare a conseguenze potenzialmente letali, come ictus in soggetti giovani e senza malattie pregresse, attacchi di cuore o embolie polmonari (cioè l’ostruzione di vasi sanguigni che trasportano il sangue dal cuore ai polmoni). I ricercatori iniziano solo ora ad avere maggiori informazioni sulla formazione di questi coaguli, che si manifestano in modo inusuale e che allo stesso tempo costituiscono una delle caratteristiche chiave della COVID-19.

Un coagulo sanguigno in un'illustrazione medica. | Shutterstock
Un coagulo sanguigno in un’illustrazione medica. | Shutterstock

Killer silenziosi. I coaguli sanguigni sono ammassi gelatinosi di cellule e proteine che l’organismo di norma mette in campo per ostacolare il sanguinamento. Nei quadri clinici da COVID-19, questi grumi si manifestano “a cascata” e in modo insolito. Tanto per cominciare, non sempre rispondono alle terapie anticoagulanti che dovrebbero fluidificare il sangue e che di norma vengono somministrate ai pazienti in terapia intensiva. Inoltre, coaguli in miniatura sono stati osservati nei vasi sanguigni più sottili e periferici, come i capillari della pelle e quelli del tessuto polmonare dei pazienti: un sintomo molto raro per una persona reduce da una grave infezione, che forse potrebbe spiegare i livelli critici di ossigenazione del sangue manifestati da chi ha contratto la malattia, e il fatto che in alcuni casi la ventilazione meccanica sembra inefficace.

Doppio attacco. Come spiega un articolo su Nature, è come se i processi di ossigenazione del sangue subissero un attacco incrociato. Da un lato, la polmonite interstiziale intasa di fluido e pus gli alveoli polmonari; dall’altra, i microcoaguli impediscono al sangue ossigenato di circolare correttamente.

Cause poco chiare. Il SARS-CoV-2 potrebbe attaccare il tessuto endoteliale che riveste i capillari e le cui cellule ospitano gli stessi recettori ACE2 che il virus prende di mira nei polmoni. Negli individui sani, i vasi sanguigni somigliano a tubi vuoti dalle pareti lisce, ma un’infezione virale può danneggiare il rivestimento di questi condotti obbligandoli a produrre proteine che facilitano gli ingorghi. Oppure, i coaguli potrebbero essere legati all’azione del coronavirus sul sistema immunitario. La tempesta di citochine, la reazione immunitaria spropositata associata alla COVID-19, può attivare il sistema del complemento, un meccanismo di difesa costituito dall’attivazione simultanea di diverse proteine che può facilitare i processi di coagulazione. Infine, i pazienti ospedalizzati per COVID-19 potrebbero già soffrire di condizioni che favoriscono la formazione di coaguli, come ipertensione e diabete.

Nuove cure. Le indagini sui coaguli di sangue nella COVID-19 avanzano di pari passo con le terapie che prendono di mira proprio questi processi. Gli scienziati della Mount Sinai School of Medicine di New York hanno dimostrato che i pazienti con COVID-19 in ventilazione polmonare assistita riportavano un minore tasso di mortalità se trattati con anticoagulanti. E i ricercatori della Columbia University di New York, così come altri gruppi di Canada e Svizzera, hanno lanciato trial clinici per confrontare gli esiti di terapie anticoagulanti in dosi normali con terapie più massicce per i pazienti con COVID-19 in terapia intensiva. Intanto, un team israeliano ha iniziato a reclutare partecipanti per uno studio che valuti i benefici di un farmaco anticoagulante ancora più potente – un “attivatore del plasminogeno” – che comporta tuttavia un rischio ancora maggiore di emorragie.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.