E’ possibile imparare ed apprendere le lingue durante il sonno

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
E' possibile imparare ed apprendere le lingue durante il sonno
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

Apprendere nuovi vocaboli durante il sonno. Durante il sonno, il cervello può apprendere nuove informazioni che sono poi ricordate nello stato di veglia. Lo dimostra uno studio in cui alcuni volontari addormentati per un breve riposo sono stati esposti ad alcuni vocaboli di una lingua inventata e alla loro traduzione in tedesco.

Che il cervello rimanga in qualche misura vigile anche durante il sonno non è certo una novità. Ma quello ottenuto da Katharina Henke, Marc Züst e Simon Ruch, ricercatori dell’Università di Berna, in Svizzera, e pubblicato su “Current Biology” è un risultato di rilievo perché dimostra che durante le ore di sonno il cervello è in grado di imparare associazioni di significato di alcuni vocaboli, mai sentiti prima di quel momento.

Imparare durante il sonno, come sottolineano gli autori in apertura dell’articolo, è un sogno degli esseri umani. Si tratta però di un’attività spesso ritenuta impossibile a priori, dato che per definizione nel sonno mancano la consapevolezza cosciente e il substrato neurochimico del cervello adatto ai compiti cognitivi.

Woman listening music on headphones while sleeping
Woman listening music on headphones while sleeping

I neuroscienziati hanno cercato in ogni caso di approfondire le conoscenze sul rapporto tra sonno e apprendimento, e gli studi in merito non mancano. Molte ricerche si sono concentrate sul consolidamento o la stabilizzazione di ricordi o di nozioni apprese durante la veglia. Riguardo il vero e proprio apprendimento durante il sonno sono stati ottenuti risultati incoraggianti sui topi, mentre sugli esseri umani i dati disponibili sono inconcludenti.

Henke e colleghi hanno ideato uno studio per sfruttare a fini di apprendimento linguistico alcuni fasi di attività del cervello di un soggetto addormentato. Durante il sonno profondo, infatti, le cellule cerebrali si trovano per un breve periodo di tempo in uno stato di attività, chiamato stato up, prima di entrare collettivamente e in modo coordinato in uno stato di breve inattività, o stato down. I due stati up e down si alternano molto rapidamente, circa ogni mezzo secondo.

Per la sperimentazione, gli autori hanno coinvolto un gruppo di volontari in un test di apprendimento semantico, facendo ascoltare loro, durante un sonnellino pomeridiano, diversi abbinamenti tra parole di una lingua inventata a tavolino e la loro traduzione in tedesco, per esempio tofer corrispondente a “chiave”, e guga, tradotto come “elefante”. Allo stesso tempo, gli sperimentatori hanno condotto sui volontari scansioni di risonanza magnetica, che permette di evidenziare le aree del cervello attivate mentre il soggetto è impegnato in un compito specifico.

Una volta risvegliati, i soggetti erano in grado di associare correttamente, con una frequenza diversa da quella casuale, alcuni aggettivi ai vocaboli uditi durante il sonno: per esempio, “piccolo” a “tofer” e “grande” a “guga”. Questo poteva avvenire solo se il secondo vocabolo di ogni associazione veniva ripetuto due, tre o quattro volte durante lo stato up. Il risultato dimostrerebbe che i soggetti durante la veglia erano in grado di riattivare le associazioni tra parole udite nel sonno.

“Il dato più interessante è che sia le aree cerebrali deputate all’elaborazione del linguaggio sia l’ippocampo, il centro fondamentale per la memoria, erano attivati durante il processo di recupero, che avveniva nella veglia, dei vocaboli uditi nel sonno”, ha spiegato Züst. “Ciò avviene normalmente durante l’apprendimento di nuovi vocaboli nello stato di veglia: il tutto quindi fa ipotizzare che queste strutture medino la formazione di nuovi ricordi, indipendentemente dallo stato prevalente del cervello, non cosciente durante il sonno profondo o cosciente durante la veglia”.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.