Lo scorpione più letale, quello di mare

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Lo scorpione più letale, quello di mare
Lo scorpione più letale, quello di mare
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

La codata letale dello scorpione di mare. Oltre 400 milioni di anni fa, il predatore acquatico finiva le sue prede con una coda affilata come un rasoio, che poteva agitare di lato e in modo chirurgico.

Prima dell’avvento di squali e barracuda, 430 milioni di anni fa, a seminare il terrore nei mari e nei laghi primordiali provvedevano gli scorpioni di mare o euripteridi, antichi artropodi parenti dei moderni scorpioni e dei granchi a ferro di cavallo.

Come se l’aspetto di queste creature, che in alcuni casi raggiungevano i 3 metri di lunghezza, non fosse già abbastanza inquietante, ora emerge un nuovo dettaglio sul loro corpo: tra le “armi” sui cui potevano contare c’era anche una coda spinosa e affilata, capace di oscillare orizzontalmente e tranciare il corpo dei pesci come un coltello.

POSIZIONE INEQUIVOCABILE. Alcuni ricercatori dell’università di Alberta (Canada) l’hanno ipotizzato studiando un nuovo fossile di questo animale trovato vicino a Lesmahagow (Scozia): il predatore, della specie Slimonia acuminate, mostra una coda piena di spine e tagliente, e decisamente curvata da un lato.

SENSO OBBLIGATO. L’ipotesi è che l’estremità, diversamente da quella delle moderne aragoste, non potesse fluttuare in senso verticale per aiutare nella propulsione, ma si muovesse molto bene sui lati. Gli euripteridi potevano così trattenere i pesci con le zampe anteriori e ucciderli a colpi di coda orizzontali, senza incontrare una forte resistenza idraulica e senza spostarsi di molto nell’acqua.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.