Primitive Technology, l’uomo delle caverne è su YouTube

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Primitive Technology, l'uomo delle caverne è su YouTube
Primitive Technology, l'uomo delle caverne è su YouTube
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Da un anno un 30enne australiano pubblica video su come sopravvivere. Non ha contatti né mail. Eppure ottiene milioni di clic. “La sfida è vedere fino a che punto si può arrivare senza la tecnologia moderna”.
il “Primitivo” non ha un nome. O perlomeno non intende divulgarlo. Il primitivo preferisce non parlare perché “distrae”. Ha 30anni e vive chissà dove nel Far North Queensland, Australia. Di solito non indossa scarpe, non vuole l’aiuto manuale di esterni e odia Facebook. Questo è quello che del primitivo è dato sapere. Tutto il resto, è il suo obiettivo, lo racconterà in un libro. Ma intanto grazie ai suoi video in cui insegna a costruire capanne, utensili o armi a mani nude, come nell’età della pietra, è già diventato una star di YouTube.

Talmente famoso che il suo canale, Primitive Technology, nato nel maggio 2015 e da allora costantemente cresciuto, è un fenomeno che conta più di 2milioni di iscritti e ha filmati che superano i 13milioni di visualizzazioni. Eppure, all’apparenza, quello che fa è l’antitesi di internet, delle tecnologie, del mondo iper connesso.

Primitive Technology, l'uomo delle caverne è su YouTube
Primitive Technology, l’uomo delle caverne è su YouTube

Nei video il primitivo se ne sta seduto (o gira in piedi) senza dire una parola in mezzo alla foresta tropicale australiani e mostra, con dei veri video tutorial che gira e monta da solo, come realizzare qualunque cosa “senza nessun aiuto di attrezzi o materiali moderni. E’ una regola rigorosa. Per il fuoco ci sono i bastoni, il ferro viene forgiato, le pietre lavorate, le capanne si fanno con acqua, arbusti e fango. La sfida è vedere fino a che punto si può arrivare senza la tecnologia moderna” scrive nell’incipit del suo blog.

Usa soltanto l’ingegno, le mani nude e la forza, nulla più. Così, in 19 video perfetti per sopravvivere all’apocalisse o per isolarsi in una foresta vergine, ha realizzato finora ogni tipo di soluzione: dalla casa all’arco, dal ventilatore per portare il fuoco a temperature elevate all’ascia, dai cestini alle fionde. Tutto ciò che serve per vivere lui lo crea. Ha imparato da autodidatta: leggendo libri o spulciando fra articoli su internet.

Le uniche forme di comunicazione che questo ragazzo australiano ammette sono il suo canale YouTube (gira con una reflex), il suo blog wordpress e la piattaforma dove raccoglie fondi. Non ha una mail, non intende dire chi è e non rilascia interviste. Leggendo i commenti al suo blog, a cui risponde uno ad uno agli appassionati, di lui si scopre che aveva un lavoro, “tagliavo i prati”, ma fin da bambino la sua grande passione era immergersi nella natura e provare a costruire qualcosa come “facevano nel passato”. Ammira gli aborigeni, i loro usi e costumi, e per affinare le sue tecniche “ho provato spesso, sbagliando, riprovando e sbagliando ancora”. A un certo punto del 2015, con l’obiettivo di dedicarsi al suo stile di vita (ma continuando a vivere in una casa moderna) il primitivo ha acceso un fuoco, tagliato alberi, ammassato fango, raccolto sterpaglie e realizzato una casa: tutto come se fosse un uomo delle caverne.

Il primo video di questa sua impresa, 11 minuti sempre su YouTube, ha rapidamente raggiunto 13 milioni di views. Da allora è iniziato il fenomeno Primitive Technology e lui, che “a 11 anni ho fatto la mia prima casa di fango e ci ho dormito dentro”, ha capito che poteva diventare un lavoro. Sempre più persone, ipnotizzate a guardarlo comodamente sedute in ufficio o dal divano di casa, lo osservavano costruire in silenzio incominciando a interessarsi alle sue tecniche. Così ha aperto un canale per ricevere donazioni. “Vivo in una casa moderna e mangio anche io cibo moderno. Se per lavoro posso far vedere alle persone il mio hobby è un bene. Mi mantiene in forma e non costa nulla a parte tempo e fatica” scrive.

A ogni video viene inondato di richieste. Quale fango usare? Quali bastoni scegliere? C’è caldo nelle capanne? Quando il prossimo filmato? e via dicendo. Lui risponde a tutti e avverte di diffidare dai profili Facebook che, con il nome Primitive Technology, stanno nascendo. Non ama il social perché, racconta in un messaggio di risposta a un utente, “si prendeva percentuali sui clic ai miei video”.

In molti, dai fan ai media, gli chiedono dove si trovi, se possano contattarlo o collaborare con lui. Il primitivo declina ogni tipo di invito: vuole rimanere un mistero. Per un po’ ha pensato alla possibilità di aprire dei corsi di sopravvivenza e insegnare le sue tecniche ma burocrazia e assicurazioni lo hanno intimorito. “Un giorno, quando scriverò il mio libro, dirò il mio nome. Ma adesso non voglio media o persone intorno alla casa dei miei vicini o alla mia terra mentre cercano di scoprire dove è il mio rifugio”. I suoi ammiratori lo amano anche per questo, per la sua semplicità. “Cosa farò? Per ora continuerò a costruire cose e fare video, tutto qui”.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.