Le madri hanno maggiore cura dei figli rispetti i padri

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Le madri hanno maggiore cura dei figli rispetti i padri
Le madri hanno maggiore cura dei figli rispetti i padri
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Le differenze cerebrali di genere che orientano le cure materne. Nel cervello femminile, ma non in quello maschile, c’è un numero di gran lunga più alto di cellule sensibili all’ossitocina, l’ormone che controlla l’attaccamento e la cura della prole. La scoperta, effettuata sui topi, aiuta a chiarire i meccanismi che regolano le cure materne nei mammiferi.

>Nel cervello delle femmine esiste un gruppo di cellule sensibili all’ormone ossitocina che non trova corrispondenza, per quantità e densità, nel cervello dei maschi: lo hanno scoperto i ricercatori della Louisiana State University  (LSU) che firmano un articolo su “PLOS ONE”, gettando una luce sui meccanismi cerebrali che nei mammiferi regolano le cure materne e i disturbi a essi collegati.

© Anne-Sophie Bost/AGF 
© Anne-Sophie Bost/AGF

L’ossitocina è infatti coinvolta sia nel controllo dei comportamenti di interazione sociale, attaccamento e cura della prole sia – quando è alterata – in alcuni disturbi mentali come l’ansia, i disturbi dello spettro autistico e la depressione post parto, un fenomeno che colpisce in media il 10-20 per cento delle neomamme e può compromettere l’accudimento del neonato.

“Molti ricercatori hanno cercato di studiare le differenze di genere nei sistemi dell’ossitocina, ma finora nessuno aveva trovato risultati convincenti: la nostra scoperta è stata una grande sorpresa”, ha commentato Ryoichi Teruyama, professore di biologia della LSU, che ha guidato lo studio.

L’azione dell’ossitocina è mediata da specifici recettori sulla superficie delle cellule. Teruyama e colleghi hanno studiato in particolare una regione del cervello dei topi, chiamata area preottica, in cui si trovano nuclei di cellule la cui sensibilità agli ormoni è diversa se il cervello è maschile oppure femminile.

In questa regione, i ricercatori hanno scoperto alcuni gruppi di cellule dotate di recettori per l’ossitocina. Il dato interessante è che queste cellule sono presenti in misura molto maggiore nelle femmine che nei maschi.

Confronto tra maschi e femmine nelle cellule cerebrali sensibili all'ossitocina (Ryoichi Teruyama, LSU)
Confronto tra maschi e femmine nelle cellule cerebrali sensibili all’ossitocina (Ryoichi Teruyama, LSU)
Inoltre, l’espressione di questi recettori è controllata dalla produzione degli ormoni estrogeni, il che fa pensare che sia una delle regioni che controlla i comportamenti di accudimento della prole attraverso la mediazione dell’ossitocina. Un nuovo esperimento degli stessi autori ha confermato l’ipotesi: nelle femmine che avevano subito la rimozione chirurgica delle ovaie, l’espressione dei recettori per l’ossitocina era assente, ma poteva essere ripristinata con una somministrazione ormonale sostitutiva.

Il risultato potrebbe aprire la strada a nuovi trattamenti per la depressione post parto che abbiano come bersaglio proprio i recettori per l’ossitocina. “Ritengo che la nostra scoperta possa riguardare tutti i mammiferi che mostrano un comportamento di cure materne, compresi gli esseri umani”, ha aggiunto Teruyama.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.