La propulsione nucleare ci porterà veloci nello spazio

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

La propulsione nucleare ci porterà veloci nello spazio
La propulsione nucleare ci porterà veloci nello spazio
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Darpa: a un passo dal volo spaziale termico nucleare. Il volo spaziale termico nucleare potrebbe essere molto più vicino di quanto si pensi. Il programma Demonstration Rocket for Agile Cislunar Operations (DRACO) della DARPA è in corso con l’agenzia del Pentagono statunitense.

Il volo spaziale termico nucleare potrebbe essere molto più vicino di quanto pensi. Il programma Demonstration Rocket for Agile Cislunar Operations (DRACO) della DARPA è in corso con l’agenzia del Pentagono statunitense che ha recentemente annunciato i suoi tre appaltatori principali: General Atomics, Blue Origin e Lockheed Martin.

L’obiettivo del programma DRACO è dimostrare un sistema di propulsione termica nucleare (NTP) sopra l’orbita terrestre bassa nel 2025, spiega DARPA in un comunicato stampa. Con il successo della missione, DARPA costruirebbe il primo razzo utilizzando una tecnologia che potrebbe dimezzare il nostro tempo di viaggio attraverso il Sistema Solare.

Raddoppia l’energia del più avanzato razzo a propellente liquido

I limiti dei sistemi di propulsione spaziale elettrici e chimici significano che non sono in grado di raggiungere le velocità richieste per viaggiare fino ai lontani confini dell’universo.

Darpa: a un passo dal volo spaziale termico nucleareIl sistema di propulsione termica nucleare di con il programma DRACO potrebbe cambiare in quanto ha il potenziale per raggiungere elevati rapporti spinta-peso paragonabili alla propulsione chimica nello spazio e allo stesso tempo corrispondere all’elevata efficienza del propellente dei sistemi elettrici. Il programma è incentrato sul transito rapido tra la Terra e la Luna, anche se probabilmente verrà ulteriormente sviluppato per raggiungere anche Marte e oltre.

In un comunicato stampa, la Sierra Nevada Corporation ha annunciato che collaborerà con General Atomics al programma NTP. La società ha dichiarato che “l’NTP offre un elevato rapporto spinta-peso, circa 10.000 volte maggiore della propulsione elettrica e un’efficienza specifica del propellente da due a cinque volte maggiore rispetto alla propulsione chimica “.

Ha inoltre spiegato che il sistema di propulsione termica nucleare utilizzerà un idrogeno liquido propellente riscaldato da un reattore nucleare a fissione. Ciò fornirà il doppio della produzione di energia del motore a razzo a propellente liquido più avanzato di oggi.

La propulsione nucleare può dimezzare il tempo di viaggio su Marte

“La tecnologia NTP che cerchiamo di sviluppare e dimostrare nell’ambito del programma DRACO mira a essere fondamentale per le future operazioni nello spazio”, ha affermato Maj Nathan Greiner, USAF, program manager per DRACO. Il programma DRACO è attualmente in fase 1.

Questa fase durerà 18 mesi, durante i quali i contraenti recentemente annunciati progetteranno il reattore nucleare di propulsione termica e il concetto del sottosistema di propulsione. Gli appaltatori produrranno anche un “concetto di veicolo spaziale del sistema operativo (OS) per soddisfare gli obiettivi della missione e progettare un concetto di veicolo spaziale del sistema di dimostrazione (DS)”, afferma DARPA. Secondo Greiner, “la prima fase del programma DRACO è uno sforzo di riduzione del rischio che ci consentirà di accelerare verso una dimostrazione in orbita nelle fasi successive”.

Il progetto di DARPA non è l’unico

Procedendo secondo i piani, la Fase 1 informerà le fasi di follow-up, che includeranno la fabbricazione e la dimostrazione in orbita del razzo. Il progetto di DARPA non è l’unico che cerca di migliorare l’efficienza e la velocità dei viaggi spaziali tramite la propulsione nucleare.

A marzo, la società di rilevamento delle radiazioni US Nuclear Corp ha invitato la NASA a firmare un contratto per sviluppare un veicolo spaziale a fusione nucleare per il volo con equipaggio su Marte.

L’Agenzia spaziale britannica ha anche annunciato a gennaio che sta collaborando con Rolls Royce per sviluppare un sistema di propulsione nucleare che, secondo le sue stime, ridurrà della metà il tempo di viaggio verso Marte.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.