Hacker russi violano l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Hacker russi violano l'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

I servizi segreti olandesi denunciano: “bloccato un attacco di hacker russi”. L’obiettivo sarebbe stata l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche. I quattro russi sospettati dell’attacco sono stati espulsi.

Altre scintille tra Olanda e Russia. Questa volta il governo olandese ha usato la mano pesante, espellendo quattro cittadini russi e accusando direttamente il governo di Vladimir Putin di aver tentato un cyber-attacco nei confronti dell’OPAC, l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche.

La notizia è stata rilasciata dal Ministro della difesa olandese Ank Bijleveld, che ha anche indicato i nomi dei quattro presunti autori dell’attacco. Si tratta di Aleksej Sergejvich Morenets; Yevgeny Mikhailovich Serebrjakov; Oleg Miajlovich Sotnikov e Aleksej Valeryvich Minin.

Il Ministro della difesa olandese Ank Bijleveld.
Il Ministro della difesa olandese Ank Bijleveld.

Tutti, secondo il governo olandese, farebbero parte dei servizi segreti russi. A identificarli è stata l’intelligence militari dei Paesi Bassi, quel MIVD (Militaire Inlichtingen- en Veiligheidsdienst) che già in passato aveva fornito informazioni sull’attività di cyber-guerriglia messa in campo dalla Russia.

La conferma definitiva del loro coinvolgimento nell’attacco, riporta il New York Times, sarebbe arrivata dopo la loro espulsione. Tra i loro effetti personali, infatti, sarebbero stati trovati i computer utilizzati per gli attacchi.

La vicenda si inserisce in un quadro estremamente “caldo”, con molti governi occidentali che puntano il dito contro le attività illecite dei servizi segreti russi a livello informatico e con un appuntamento importante come le elezioni di mid-term negli Stati Uniti.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.