Hacker russi violano l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Hacker russi violano l'Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche
Condividi l'Articolo

I servizi segreti olandesi denunciano: “bloccato un attacco di hacker russi”. L’obiettivo sarebbe stata l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche. I quattro russi sospettati dell’attacco sono stati espulsi.

Altre scintille tra Olanda e Russia. Questa volta il governo olandese ha usato la mano pesante, espellendo quattro cittadini russi e accusando direttamente il governo di Vladimir Putin di aver tentato un cyber-attacco nei confronti dell’OPAC, l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche.

La notizia è stata rilasciata dal Ministro della difesa olandese Ank Bijleveld, che ha anche indicato i nomi dei quattro presunti autori dell’attacco. Si tratta di Aleksej Sergejvich Morenets; Yevgeny Mikhailovich Serebrjakov; Oleg Miajlovich Sotnikov e Aleksej Valeryvich Minin.

Il Ministro della difesa olandese Ank Bijleveld.
Il Ministro della difesa olandese Ank Bijleveld.

Tutti, secondo il governo olandese, farebbero parte dei servizi segreti russi. A identificarli è stata l’intelligence militari dei Paesi Bassi, quel MIVD (Militaire Inlichtingen- en Veiligheidsdienst) che già in passato aveva fornito informazioni sull’attività di cyber-guerriglia messa in campo dalla Russia.

La conferma definitiva del loro coinvolgimento nell’attacco, riporta il New York Times, sarebbe arrivata dopo la loro espulsione. Tra i loro effetti personali, infatti, sarebbero stati trovati i computer utilizzati per gli attacchi.

La vicenda si inserisce in un quadro estremamente “caldo”, con molti governi occidentali che puntano il dito contro le attività illecite dei servizi segreti russi a livello informatico e con un appuntamento importante come le elezioni di mid-term negli Stati Uniti.

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.