Fisici canadesi teorizzano un “antiuniverso” composto di antimateria

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Fisici canadesi teorizzano un "antiuniverso" composto di antimateria
Fisici canadesi teorizzano un "antiuniverso" composto di antimateria
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Dal Big Bang anche un universo di antimateria, un antiuniverso fuori dal tempo. «Se potessimo vivere in questo antiuniverso, vedremmo scorrere tutto indietro nel tempo a partire dal Big Bang, e noteremmo solo antimateria, anzi lo saremmo anche noi», spiega all’Ansa Antonio Masiero, vicepresidente dell’Istituto nazionale di fisica nucleare.

Il nostro universo potrebbe avere una sua controparte nascosta, nata anch’essa con il Big Bang: un antiuniverso fatto di antimateria, e in cui il tempo scorre a ritroso. L’ipotesi potrebbe spiegare che fine abbia fatto l’antimateria sopravvissuta al contatto letale con la materia agli albori del cosmo, circa 14 miliardi di anni fa. È quanto emerge dallo studio pubblicato sulla rivista Physical Review Letters e condotto dai ricercatori dell’Istituto canadese Perimeter per la fisica teorica, coordinati da Neil Turok.

Crediti: L. Boyle/Perimeter Institute for Theoretical Physics
Crediti: L. Boyle/Perimeter Institute for Theoretical Physics

I fisici canadesi hanno sviluppato un «modello cosmologico che permette di estendere l’universo oltre il Big Bang», hanno spiegato. La storia del cosmo è infatti iniziata con uno scontro epico tra materia e antimateria, che si è risolto in un lampo di energia con la vittoria, di strettissima misura, della materia, nonostante subito dopo il Big Bang le loro quantità fossero quasi perfettamente simmetriche. Una grande fortuna. Se fosse andata diversamente, tutto ciò che ci circonda, uomo compreso, probabilmente non esisterebbe, o avrebbe un altro aspetto.

«Si tratta di uno studio interessante e innovativo, anche se ancora da approfondire, che cambia il quadro cosmologico tradizionale con all’inizio il Big Bang», ha spiegato all’Ansa Antonio Masiero, vicepresidente dell’Istituto nazionale di fisica nucleare. «Se potessimo vivere in questo antiuniverso, vedremmo scorrere tutto indietro nel tempo a partire dal Big Bang, e noteremmo solo antimateria, anzi lo saremmo anche noi. In base a questo modello cosmologico, non ci sarebbe bisogno di un periodo di espansione rapidissima dopo il Big Bang, l’inflazione, per spiegare la produzione di materia, compresa la materia oscura. Inoltre – ha concluso Masiero – potrebbero non esistere nuove particelle sconosciute oltre il modello standard», l’architettura di riferimento della fisica moderna.

Per saperne di più:

  • Leggi Physical Review Letters su l’articolo “CPT-Symmetric Universe“, di Latham Boyle, Kieran Finn e Neil Turok

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

1 Commento

  1. L’equilibrio del “Super Universo” nel nulla dato dalla contrapposizione positivo e negativo, nelle 7 dimensioni, la dimensione del Tempo è condivisa e si ferma solo nel nulla o nel quanto di congiunzione materia ed antimateria, distanti un infinito l’uno dall’altro sia verso l’alto che verso il basso. Conoscere la dimensione del quanto più piccolo equivale a conoscere la dimensione espansa dell’universo ? L’origine del Tutto data dall’incontro casuale dell’Alpha e dell’Omega nel tempo nullo…Il “Super Universo” è una bolla quantica composta da linee a doppio infinito. Se le percorri andrai sempre in avanti nel Tempo e nello Spazio, se un attimo si ribalteranno per poi tornare a essere la realtà fisica che conosci.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.