Il cervello resta cosciente anche durante il sogno

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Il cervello resta cosciente anche durante il sogno
Il cervello resta cosciente anche durante il sogno
Condividi l'Articolo
La ricca dinamica dello stato di coscienza. Una complessa analisi statistica su modelli di attività cerebrale in persone sia coscienti sia in uno stato di incoscienza di diversa entità, dall’anestesia allo stato di minima coscienza allo stato vegetativo, indica che lo stato cosciente è caratterizzato da una ricca dinamica fra modelli differenti di attività del cervello.Specifici modelli dinamici di attività cerebrale potrebbero essere indicativi dello stato di coscienza, o di differenti situazioni in cui essa è assente. È la conclusione tratta sulla base di studi di risonanza magnetica funzionale (fMRI ) effettuati da ricercatori dell’Institut National de la Santé et de la Recherche Médicale (INSERM) francese, dell’Università di Parigi Saclay e di altri istituti di ricerca internazionali, che firmano un articolo su “Science Advances”.

Two Medical Scientists / Neurologists, Talking and Working on a Personal Computer in Modern Laboratory. Research Scientists Making New Discoveries in the fields of Neurophysiology, Science, Neuropharmacology. Understanding Human Brain.
Two Medical Scientists / Neurologists, Talking and Working on a Personal Computer in Modern Laboratory. Research Scientists Making New Discoveries in the fields of Neurophysiology, Science, Neuropharmacology. Understanding Human Brain.

La coscienza è apparentemente perduta e recuperata ogni giorno durante il sonno, inoltre può essere abolita transitoriamente con farmaci e, in modo temporaneo o permanente, a causa di lesioni cerebrali. Ciascuno di questi casi comporta cambiamenti differenti nella funzione cerebrale, nel comportamento e nella neurochimica; finora però non si è riusciti a identificare marcatori dell’attività cerebrale affidabili che indichino la presenza o l’assenza di coscienza, in grado per esempio di rivelare la presenza di coscienza nei casi in cui ci potrebbe essere una “coscienza nascosta” (si pensi al caso della sindrome locked-in, in cui la presenza di una coscienza integra è testimoniata solo dalla capacità di rispondere ai comandi muovendo le palpebre o gli occhi, gli unici organi che il paziente è ancora in grado di controllare).

Da tempo gran parte dei neuroscienziati ritengono che la coscienza non possa essere spiegata in termini di descrizioni statiche delle funzioni cerebrali, ma che essa sia un processo dinamico in cui l’attivazione di differenti aree viene coordinata in funzione di un ambiente in continuo cambiamento.

Athena Demertzi e colleghi hanno registrato i dati fMRI di 159 soggetti, alcuni di questi erano pazienti sani in anestesia e altri erano pazienti con diagnosi – effettuata sulla base di test comportamentali standardizzati – di sindrome della veglia non responsiva (dizione più aggiornata di “stato vegetativo”), in cui possono aprire gli occhi ma non mostrano movimenti volontari, o in uno stato di minima coscienza (MCS), in cui mostrano anche altri comportamenti potenzialmente indicativi di consapevolezza.

Analizzando in 42 regioni cerebrali chiave il segnale che indica il livello di ossigenazione (e che riflette il livello di attività dei neuroni), gli autori hanno scoperto quattro differenti modelli di attività e coordinazione tra aree del cervello: il modello 1, molto complesso, anche spazialmente, mostrava una coordinazione a lunga distanza e una notevole efficienza di comunicazione tra le aree cerebrali e si manifestava con la  massima frequenza in persone sane e consapevoli. Il modello 4, all’opposto, mostrava una bassa coordinazione fra le aree ed era molto più evidente e frequente nei pazienti con sindrome della veglia non responsiva. I modelli 2 e 3 avevano caratteristiche intermedie di complessità e di coordinazione fra aree.

Quando si è coscienti, le regioni cerebrali comunicano ampiamente, mostrando connessioni sia positive che negative (coerenza, C; colore rosso e blu rispettivamente), che facilita lo scambio di informazioni in modo efficiente. Durante lo stato di coscienza, questo modello può essere abbandonato per altri, ma poi il cervello torna a questa modalità. Al contrario, nello stato di incoscienza, le regioni cerebrali diventano meno attive e soprattutto non non si connettono tra loro (coerenza C intorno allo zero, colore verde), di fatto impedendo lo scambio di informazioni fra aree. (Cortesia E. Tagliazucchi & A. Demertzi)
Quando si è coscienti, le regioni cerebrali comunicano ampiamente, mostrando connessioni sia positive che negative (coerenza, C; colore rosso e blu rispettivamente), che facilita lo scambio di informazioni in modo efficiente. Durante lo stato di coscienza, questo modello può essere abbandonato per altri, ma poi il cervello torna a questa modalità. Al contrario, nello stato di incoscienza, le regioni cerebrali diventano meno attive e soprattutto non non si connettono tra loro (coerenza C intorno allo zero, colore verde), di fatto impedendo lo scambio di informazioni fra aree. (Cortesia E. Tagliazucchi & A. Demertzi)

L’elemento caratterizzante dello stato di coscienza non era però la stabilità di uno di questi modelli di attività, e in particolare del modello 1, ma al contrario nella probabilità che in un dato lasso di tempo il cervello passasse dal modello 1 ai modelli 2 e 3, per tornare poi al modello 1, con solo brevi e occasionali “puntate verso il modello 4. Ciò suggerisce che la coscienza sia in primo luogo definita dalla capacità di riorganizzare dinamicamente le reti di comunicazione cerebrale.

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.