Perché si tende a perdonare i torti subiti

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Perché si tende a perdonare i torti subiti
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

La predisposizione psicologica al perdono. Un nuovo studio sperimentale ha dimostrato che le persone sono disposte a rivedere rapidamente la valutazione negativa su chi si comporta male. Questa provvisorietà del giudizio morale, secondo gli autori, indica una predisposizione psicologia al perdono.

Anche quando una persona dimostra di comportarsi male, nella maggior parte dei casi siamo disposti a rivalutarla appena fa qualcosa di buono. Questa flessibilità e provvisorietà nel giudizio morale, documentata in uno studio sperimentale condotto da un gruppo di ricerca della Yale University, dell’Università di Oxford e dello University College di Londra, rappresenterebbe una delle possibili basi psicologiche del perdono.

Nello studio, descritto sulle pagine della rivista “Nature Human Behaviour”, gli autori hanno chiesto a 1500 volontari di osservare una scena filmata in cui due personaggi erano posti di fronte a un dilemma morale: infliggere o meno una scossa elettrica a un’altra persona in cambio di denaro. I due personaggi avevano comportamenti opposti: il “buono” nella maggior parte dei casi rifiutava il compenso, mentre il “cattivo” tendeva a infliggere la scossa per massimizzare il proprio guadagno. Ai volontari veniva poi chiesto quali impressioni avessero avuto sul carattere morale dei due personaggi, e quanto fossero sicuri di queste impressioni.

“L’abilità nel formare accurate impressioni sul carattere delle altre persone è cruciale per lo sviluppo e il mantenimento di relazioni umane positive”, ha commentato Jenifer Siegel, ricercatrice dell’Università di Oxford, primo autore dello studio. “Abbiamo sviluppato nuovi strumenti per misurare la formazione di queste impressioni, strumenti che potrebbero migliorare la nostra comprensione delle relazioni disfunzionali”.

Mother and daughter embracing
Mother and daughter embracing

Dall’analisi delle risposte è emerso che i volontari si formavano rapidamente impressioni positive e stabili del personaggio buono ed erano tendenzialmente sicuri delle proprie impressioni. Non erano così sicuri, invece, che il personaggio cattivo fosse davvero cattivo, ed erano ben disposti a rivalutarlo se occasionalmente si comportava bene.

Questo meccanismo di aggiornamento delle proprie impressioni, secondo i ricercatori, non è casuale, ma riflette una modalità profonda di giudizio morale, che può aiutare a spiegare, per esempio, perché le persone mantengono relazioni personali con soggetti moralmente riprovevoli.

“Il cervello si forma impressioni sociali con una modalità che permette il perdono”, ha spiegato Molly Crockett, ricercatrice della Yale University, autore senior dell’articolo. “Poiché le persone talvolta si comportano male, siamo costretti in qualche modo ad aggiornare le nostre impressioni che potrebbero rivelarsi errate: altrimenti, correremmo il rischio d’interrompere prematuramente delle relazioni, e perdere i benefici delle relazioni sociali”.

“Riteniamo che i nostri risultati rivelino una predisposizione di base a concedere agli altri il beneficio del dubbio” hanno concluso i ricercatori. “La mente umana è costruita per mantenere relazioni sociali, anche quando gli altri si comportano male”.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.