Truffa milionaria grazie all’intelligenza artificiale

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

Truffa milionaria grazie all'intelligenza artificiale
Truffa milionaria grazie all'intelligenza artificiale
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Paga 25 milioni di dollari dopo videoconferenza con dirigenti creati con deepfake. Secondo la polizia di Hong Kong, un impiegato di una multinazionale del mondo della finanza è stato indotto con l’inganno a pagare 25 milioni di dollari a dei truffatori che hanno utilizzato tecnologia deepfake per assumere le sembianze dei dirigenti dell’azienda.

L’elaborata truffa ha visto un dipendente di una multinazionale del mondo della finanza partecipare a una videochiamata con quelli che pensava fossero diversi altri membri del personale, ma che in realtà erano malintenzionati sotto falsa identità, che si sono serviti di tecnologie di deepfake.

Lo riferisce la CNN sulla base di informazioni provenienti dalla polizia di Hong Kong.

Secondo la polizia, l’impiegato si è insospettito dopo aver ricevuto un messaggio attribuito al direttore finanziario della società con sede nel Regno Unito. Inizialmente sospettava che si trattasse di un’e-mail di phishing, in quanto si parlava della necessità di effettuare una transazione segreta.

Tuttavia, i suoi dubbi sono stati subito fugati dopo la videoconferenza in questione, perché tutti i partecipanti avevano effettivamente le sembianze fisiche e il tono della voce dei dirigenti dell’azienda.

Credendo che tutti gli altri partecipanti alla videoconferenza fossero reali, il lavoratore ha accettato di effettuare il pagamento di un totale di 200 milioni di dollari di Hong Kong, corrispondenti a poco meno di 24 milioni di euro.

Venerdì, durante la conferenza stampa, la polizia di Hong Kong ha dichiarato di aver effettuato 6 arresti in relazione al caso.

I deepfake sono stati realizzati con tecnologie di intelligenza artificiale che si sono basate sulle carte di identità dei dirigenti con l’obiettivo di ingannare i programmi di riconoscimento facciale. Inoltre, non è l’unica volta che le identità rubate vengono usate per delle truffe.

Almeno 90 richieste di prestito e 54 registrazioni di conti bancari sono stati realizzati in questo modo tra luglio e settembre dello scorso anno.

Il problema dei deepfake è molto dibattuto nel mondo della tecnologia, e non solo. Per le implicazioni etiche, a livello politico e finanziario, come in questo caso.

Alla fine di gennaio, immagini pornografiche della pop star americana Taylor Swift, generate dall’intelligenza artificiale, si sono diffuse sui social media, il che ha portato alle attenzioni dell’opinione pubblica il potenziale dannoso rappresentato dalle ultime tecnologie di intelligenza artificiale.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Inviami gli Articoli in Email:

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.