Se commerci con la Cina ti installano un malware

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Se commerci con la Cina ti installano un malware
Se commerci con la Cina ti installano un malware
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Cina: il software per pagare le tasse ha una backdoor. Spionaggio? Il programma è stato “imposto” a due aziende inglesi dalla banca locale. Secondo i ricercatori GoldenSpy potrebbe essere un classico hacking di stato.

Lo hanno battezzato con il nome di GoldenSpy e, da un punto di vista tecnico, è una semplice backdoor come tante altre in circolazione. Ciò che rende unico il (sospetto) malware, però, è il vettore di attacco usato: un software la cui installazione è stata richiesta direttamente da una banca cinese per pagare le tasse locali.

La vicenda, resa pubblica da Trustwave, ha come protagoniste due aziende del Regno Unito, che hanno recentemente aperto delle attività in Cina. Secondo quanto si legge nel report pubblicato dalla società di sicurezza, il programma in questione si chiama Intelligent Tax ed è prodotto dalla società cinese Aisino.

Il software, spiegano i ricercatori, non contiene direttamente il codice malevolo, ma il componente che agisce come backdoor (svm.exe) viene scaricato da un sito cinese circa due ore dopo il completamento dell’installazione di Intelligent Tax.

Nel descrivere il suo comportamento, i ricercatori sono estremamente cauti. In una nota che introduce l’analisi tecnica, infatti, spiegano che potrebbe anche trattarsi di una funzione di aggiornamento implementata in maniera sbagliata. Il dubbio che si tratti di un vero e proprio malware, però, è decisamente consistente.

serverOltre alla curiosa modalità di installazione, le funzionalità di GoldenSpy comprendono infatti la comunicazione a un server di alcune informazioni di base, la possibilità di eseguire codice sul computer e di inviare comandi al sistema operativo. Insomma: tutto ciò che di solito si trova in un trojan.

Il componente, inoltre, viene installato in duplice copia come servizio che viene avviato automaticamente e prevede un sistema di riavvio nel caso in cui venisse terminato. Agisce inoltre con privilegi di sistema e adotta una tecnica di collegamento al server a intervalli casuali. Un accorgimento, sottolineano i ricercatori, che di solito viene adottato per offuscare il traffico tra malware e server Command and Control.

Al di là dell’aspetto tecnico, l’elemento più rilevante è il fatto che l’uso del software che scarica e installa GoldenSpy è stato proposto alle aziende come “obbligatorio” per poter operare a livello commerciale sul territorio cinese.

Insomma: il dubbio è che si possa trattare non solo di un attacco informatico ai danni di imprese commerciali, ma che si tratti di una prassi comune con cui il governo di Pechino si garantisce la possibilità di hackerare nel modo più semplice possibile le aziende straniere che operano sul suo territorio.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.