Bloccato da hacker il sistema texano di information technology

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Bloccato da hacker il sistema texano di information technology
Bloccato da hacker il sistema texano di information technology
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Texas bloccato dai ransomware. I pirati vogliono 2,5 milioni. I cyber-criminali hanno violato i sistemi dell’azienda che gestisce il settore IT del governo statale e hanno colpito 22 enti pubblici contemporaneamente.

Quello che si è verificato in Texas lo scorso 16 agosto è probabilmente del più clamoroso attacco mai portato a uno stato da parte di “normali” pirati informatici.

Come spiega un comunicato stampa pubblicato sul sito ufficiale del governo texano, l’attacco ha coinvolto 22 enti pubblici (in un primo momento si era parlato di 23) i cui sistemi sono stati bloccati attraverso un ransomware.

Se in un primo momento l’amministrazione del Texas era stata piuttosto avara di informazioni, limitandosi a parlare di un “attacco coordinato”, ora però emergono maggiori dettagli.

Da quanto è emerso, i pirati informatici avrebbero preparato accuratamente l’attacco prendendo di mira il Managed Servic Provider (MSP) cui è affidata la gestione dei sistemi IT della pubblica amministrazione.

Una strategia terribilmente efficace, che sfrutta gli MSP come “testa di ponte” per colpire i sistemi informatici. Le aziende che forniscono questo tipo di servizio, infatti, utilizzano dei software per il controllo remoto attraverso cui possono gestire ogni singolo computer dei clienti.

Enti statali texani violati da un malwareSe i pirati riescono a ottenere l’accesso a questa funzionalità, possono distribuire un malware su migliaia di computer con il minimo sforzo.

Come abbiamo raccontato in questo articolo, non è la prima volta che succede qualcosa del genere. In precedenza, però, i cyber-criminali che hanno colpito gli MSP si sono limitati a sfruttare questa opportunità per portare attacchi “a pioggia”.

In questo caso, invece, il piano è decisamente più articolato. Gli hacker hanno infatti coordinato l’attacco per mettere in ginocchio un intero stato. Anche se non si conoscono tutte le vittime, alcune municipalità hanno ammesso di essere state colpite.

Tra queste la cittadina di Borger (13.000 abitanti) e quella di Keene (6.000 abitanti), che al momento hanno alcuni servizi bloccati, come l’amministrazione e l’anagrafe.

Secondo quanto riferito dalle autorità, che stanno lavorando per risolvere lasituazione, la richiesta di riscatto inviata dai pirati informatici è decisamente “importante”: avrebbero infatti chiesto la bellezza di 2,5 milioni di dollari per sbloccare i sistemi infetti.

Un’ipotesi che l’amministrazione del Texas sembra non considerare nemmeno. L’approccio delle autorità è infatti quello di recuperare le funzionalità dei sistemi informatici e, a quanto pare, i tecnici chiamati a fronteggiare l’attacco starebbero facendo progressi.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.