Anche Arch Linux nel mirino degli hackers

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Anche Arch Linux nel mirino degli hackers
Anche Arch Linux nel mirino degli hackers
Condividi l'Articolo

Malware nel repository di Arch Linux. Il codice malevolo era nascosto in un componente per la gestione dei PDF. Gli esperti: “era il primo passo per un attacco più elaborato”.

Ci sono dozzine di ottimi motivi per cui i pirati prendono di mira gli utenti Linux. Il principale è che, di solito, il sistema operativo open source viene installato sui server, che rappresentano bersagli privilegiati per i cyber-criminali.

Da un lato perché si trovano di solito in ambienti aziendali o comunque collegati alla gestione di sistemi complessi, dall’altra perché si tratta normalmente di macchine piuttosto potenti, che tornano utili sia per portare attacchi DDoS, sia per generare cripto-valuta.

C’è poco da stupirsi, quindi, che qualcuno abbia deciso di prendere di mira Arch Linux, una delle distro più “smanettone” in circolazione. In passato, la stessa sorte era toccata a Gentoo Linux, anche se in quel caso le cose erano andate un po’ diversamente.

Arch Linux è una distribuzione estremamente versatile, che può essere personalizzata a seconda delle esigenze dell’utente.
Arch Linux è una distribuzione estremamente versatile, che può essere personalizzata a seconda delle esigenze dell’utente.

A differenza di quanto accaduto nel caso di Gentoo, quando i pirati avevano addirittura hackerato il repository, l’attacco ad Arch Linux è stato molto più blando.

Il pirata informatico in questione, registrato con il nickname di xeactor, si è limitato a modificare un pacchetto sul repository per inserirvi un malware. Nel dettaglio, il componente preso di mira era acroread, un pacchetto per la gestione dei file PDF.

Stando a quanto riportato dagli amministratori del repository, il malware non aveva funzioni particolarmente evolute, ma si limitava a sottrarre informazioni riguardanti la macchina su cui veniva installato. Con tutta probabilità, sottolineano gli esperti di sicurezza che lo hanno analizzato, si trattava di uno strumento per preparare il terreno a un attacco più specifico.

L’episodio, però, conferma una tendenza piuttosto preoccupante. Sempre più spesso, infatti, pirati informatici prendono di mira repository e risorse condivise per distribuire il loro malware.

Una tecnica, questa, che gli consente di ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo, come è rischiato di succedere quando un gruppo di cyber-criminali ha preso di mira il repository di Docker inserendovi un variegato campionario di malware.

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.