Viaggiare nello spazio grazie a vele con raggi FRB

Viaggiare nello spazio grazie a vele con raggi FRB
Viaggiare nello spazio grazie a vele con raggi FRB
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/viaggiare-nello-spazio-grazie-a-vele-con-raggi-frb/

Gli FRB potrebbero essere potenti fasci radio per spingere navi nello spazio. Una stella e un pianeta grande due volte la Terra potrebbero in teoria essere usati da civiltà molto progredite per generare energia e spingere nello Spazio astronavi generazionali.

È possibile che civiltà aliene molto progredite possano “spingere” enormi astronavi nell’Universo con potentissimi fasci radio ad altissima energia

Oltre ai combustibili che utilizziamo per lanciare razzi nello spazio, ci sono nuove ipotesi per propellenti o sistemi di propulsione realistici e più efficienti? Se parla spesso: vele solari, energia nucleare, sia a fissione sia a fusione, antimateria, fasci laser, propulsione elettromagnetica

Su questo tema un team di ricercatori dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ha condotto uno studio originale e avanzato l’ipotesi che alcune misteriose emissioni radio, di cui non si conosce l’origine, potrebbero essere prodotte da trasmettitori con dimensioni planetarie che alimentano sonde interstellari in galassie lontane.

DUE PIANETI DI ENERGIA. Queste emissioni, chiamate FRB, da “fast radio burst” (lampo radio veloce), sono fenomeni di alta energia che si manifesta con un impulso radio che dura non più di qualche millisecondo. Provengono da regioni del cielo esterne alla Via Lattea: «Gli FRB sono emissioni di brevissima durata di cui al momento al momento non siamo in grado di identificare la fonte. Non è da escludere che possano avere un’origine artificiale: vale la pena controllare se questa ipotesi può avere un fondamento», spiega Avi Loeb, titolare dello studio.

Il ricercatore ha valutato la fattibilità di un trasmettitore radio che abbia una potenza tale da poter essere rilevato a distanze intergalattiche.

Per ottenere l’energia necessaria, ha calcolato, sarebbe necessaria una superficie grande due volte quella del nostro pianeta per raccogliere energia da una stella e concentrarla poi in un unico fascio utilizzato per spingere una vela. Una simile tecnologia è per adesso al di là della nostra portata, ma non è da escludere per civiltà più avanzate tecnologicamente.

Forse un giorno la nostra civiltà lascerà la Terra, per amore o per forza.

MEGA-ASTRONAVI. Loeb ha calcolato quale potrebbe essere la dimensione di una “sonda” spinta da un’energia simile a quelle dei FRB, giungendo alla conclusione che potrebbe pesare anche un milione di tonnellate, ossia oltre 20 volte le nostre più grandi navi da crociera. «Si potrebbe immaginare una nave interstellare, o intergalattica, in grado di trasportare un gran numero di persone per generazioni intere: una nave generazionale», commenta Loeb.

Dalla Terra quello specifico impulso radio potrebbe essere osservato solo per un breve instante, perché l’ipotetica astronave, il pianeta di partenza così come la stella e la galassia sono in movimento. Loeb ha sottolineato che tutto ciò è una pura ipotesi speculativa, ma alla domanda se crede davvero che gli FRB possano essere emissioni artificiali ha risposto: «La scienza non è una questione di fede ma di prove. Decidere cosa è probabile, prima di una ricerca, limita la ricerca stessa. Vale sempre la pena avanzare nuove idee e ipotesi, e lasciare che siano poi i dati a parlare».

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/viaggiare-nello-spazio-grazie-a-vele-con-raggi-frb/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*