Tarologia #3

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/tarologia-3/

Lettura dei Tarocchi

Consultante: Donna

Domanda: Perché non voglio aprirmi al mondo

Stesa a tre carte:

IL MAGO – LA LUNA – L’IMPERATRICE

sotto il mazzo L’APPESO

Inizialmente la domanda è “Com’è che attiro spesso comunicazioni poco autentiche?”, poi assieme l’abbiamo trasformata in “Perché non voglio aprirmi al mondo”.

Essendo la domanda mirata al centro intellettuale, opto per vedere lei dove si trova in questo momento nel centro intellettuale pescando una carta tra gli arcani minori delle spade ed esce l’Asso di Spade.

Tarologia #3

Risposta: Intanto guardo dove ti trovi ora nel centro intellettuale (parole, pensieri, immagini, verbo, comunicazione): Hai tutto il potenziale ma attualmente ancora inespresso, potenza espansiva pronta a concretizzarsi.

Mi verrebbe da chiederti se c’è in particolare un evento, un fatto accaduto dove magari tua madre ti ha castrata o sminuito durante una tua forma espressiva, quando eri molto giovane. Sembra che tu abbia bisogno di esprimerti ma non riesci a darti uno scopo a questa tua forma d’espressione, probabilmente la madre ti “chiudeva” in un mondo limitato, e ora per poter esprimerti dovresti semplicemente diventare tu donna, crescere, smettendo di girare attorno ad un nucleo adolescente. Affermare innanzitutto che tu esisti come essere umano e come femmina, esprimere tutto il tuo potenziale dando a questa tua energia proprio come obiettivo iniziale il diventare donna.

Mi verrebbe anche da chiederti in tutto questo il padre dov’è, dalla lettura pare che la figura materna abbia fatto da padre, mentre la figura paterna da eterno bambino ancorato al passato.

 

Giacomo Marighelli

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/tarologia-3/
Inviami gli Articoli in Email:
About Giacomo Marighelli 4 Articles

Musicista, poeta, tarologo, Giacomo Marighelli dal 2008 ha pubblicato con lo pseudonimo di Margaret Lee tre album musicali nei quali hanno partecipato e collaborato artisti di ogni tipologia: l’artista Alejandro Jodorowsky (concedendo una sua registrazione vocale), i musicisti Giorgio Canali e Luca Martelli, lo scrittore Roberto Pazzi, l’attore-performer Andrea Amaducci “L’Alieno” e il poli-strumentista Lucien Moreau. Riscontrando da subito critiche positive, ha cavalcato palcoscenici in tutta Italia aprendo concerti a musicisti come Hugo Race, Fausto Rossi (Faust’O ), lo stesso Giorgio Canali, Stephen Lawrie dei The Telescopes, Amaury Cambuzat ed altri ancora. Live definiti potenti e rumorosi (se in elettrico), mettendo sempre però in primo piano la parola. Amante del teatro ha messo in scena spettacoli definiti “effimeri panici” nella totale improvvisazione. Questi eventi venivano firmati col nome “Mit Surprise Konzert.”. Ciò ha permesso di rendere i concerti di Giacomo particolari dove, in base al luogo e al pubblico, da concerto acustico e intimo ci si ritrova a letture poetiche nel totale silenzio oppure a esperimenti sonori lasciando spazio all’improvvisazione. Col nome Giacomo Marighelli ha composto la colonna sonora del documentario “L’ultimo spenga la luce” e dello spettacolo site-specific “Live Cracks”. Ha concesso l’utilizzo delle sue canzoni per il film-documentario di Rita Bertoncini “Una nuova scintilla” candidato al David di Donatello 2015.
Nel 2014 ha composto canzoni assieme al cantante-poeta Gianni Venturi creando così l’album Vuoto Pneumatico. Nel 2015 ha presentato l’album in collaborazione con il musicista Friedrich Cané del movimento dei cieli nel quale Giacomo si trova nei panni del cantante e per la prima volta non anche in quelli del musicista.
Nel 2011 ha creato la serie di quadri intitolata “Ciclo dei Sogni”, nel 2013 è uscito il libro di poesie Sacro col Profano e nel Marzo del 2015 ha presentato il libro di poesie Potessi io Nel nuovo illustrato dall’artista Igli Marjon che fa da ponte al libro presentato nel 2016 Il taccuino nero.
Ha fondato il Movimento Nullo con l’artista collaborate Lucien Moreau col quale ha messo in scena a Ferrara in una galleria d’arte il primo “Effimero Nullo” nel 2015, spettacolo durato 40 ore ininterrotte.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*