Un vaccino per il Covid-19 dallo studio con gli anticorpi monoclonali

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Un vaccino per il Covid-19 dallo studio con gli anticorpi monoclonali
Un vaccino per il Covid-19 dallo studio con gli anticorpi monoclonali
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

“Vaccino anti-Covid funziona sulle cellule umane”, è stato messo a punto in Italia | Ma lo Spallanzani frena: “Presto per trarre conclusioni sull’efficacia”. LʼIstituto romano dove sono stati eseguiti i test precisa che “sulla base dei dati sinora disponibili” non è “possibile giungere a conclusioni”

Per la prima volta al mondo un candidato vaccino contro il nuovo coronavirus ha neutralizzato il virus nelle cellule umane. Lo ha detto Luigi Aurisicchio, amministratore delegato della Takis di Pomezia che ha messo a punto il vaccino italiano. Ma lo Spallanzani, dove è stato eseguito il test, frena e spiega che “non è ancora possibile giungere a conclusioni di qualunque natura sull’efficacia” del candidato vaccino.

Secondo quanto riferito dall’azienda, il test fatto allo Spallanzani è stato possibile grazie all’esperienza dell’istituto che, dopo avere isolato il virus, ha impostato un metodo per verificare l’efficacia di vaccini e molecole direttamente sul virus. “Per quanto ne sappiamo, siamo i primi al mondo ad aver dimostrato la neutralizzazione del coronavirus da parte di un vaccino. Ci aspettiamo che questo accada anche nell’uomo”, ha detto ancora Aurisicchio.

Parole che però non trovano la conferma dell’Istituto romano. In una nota lo Spallanzani rileva che il comunicato della Takis “non è stato concordato con l’Inmi né da esso autorizzato” e di avere “partecipato ad una proposta di ricerca presentata da Takis nell’ambito di un bando ‘urgente’ lanciato alla Comunità Europea, che non è stata finanziata. In vista della possibile partecipazione ad ulteriori bandi, sono state effettuate prove preliminari e parziali sulla risposta in termini di anticorpi neutralizzanti in topi inoculati con formulazioni iniziali di potenziali vaccini”.

Secondo l’istituto “i risultati di queste prove, tuttora in corso di valutazione, indicano che è possibile rilevare negli animali inoculati una risposta in termini di anticorpi neutralizzanti, il che è la premessa per lo sviluppo di un modello di studio basato sui consueti animali da esperimento”. L’Istituto, prosegue la nota, “sta al momento completando queste valutazioni preliminari, per decidere sull’opportunità di continuare questi studi e formalizzare accordi specifici”. In ogni caso, si rileva “l’Inmi non ha redatto alcun report ufficiale e non ha ancora distribuito in maniera formale i risultati degli esami effettuati” e “sulla base dei dati sinora disponibili l’Inmi, per quanto a propria conoscenza, ritiene che non sia possibile giungere a conclusioni sull’efficacia del potenziale candidato vaccinale“.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.