Un farmaco ripristina proteine e ripara i danni cerebrali

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

Un farmaco ripristina proteine e ripara i danni cerebrali
Un farmaco ripristina proteine e ripara i danni cerebrali
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ecco il farmaco sperimentale capace di invertire il declino cognitivo negli anziani. Promettenti i risultati dei test condotti da un team di ricercatori dell’Università della California di San Francisco.

Si chiama ISRIB, o ISR InhiBitor, ed è un farmaco sperimentale che promette di invertire il declino cognitivo provocato dall’avanzare dell’età in pochi giorni. A metterlo a punto è stato un team di esperti dell’Università della California a San Francisco (UCSF), che hanno condotto una serie di esperimenti sui roditori, descritti sulla rivista eLife. “Il farmaco – spiega Suzanna Rosi, docente nei dipartimenti di Chirurgia neurologica e Terapia fisica e scienza della riabilitazione presso l’UCSF – riavvia il meccanismo di produzione di proteine ​​delle cellule nel nostro cervello dopo che è stato inibito da una risposta allo stress del nostro corpo”.

Suzanna Rosi
Suzanna Rosi

Il team ha suddiviso i topi in due gruppi differenziati in base all’età degli animali, i più giovani hanno ricevuto piccole dosi giornaliere di composto per tre giorni, mentre i più anziani sono stati suddivisi ulteriormente tra quelli che hanno ricevuto il farmaco e gli esemplari del gruppo di controllo. “La molecola nel gruppo di topi anziani – riporta l’autrice – ha ripristinato la memoria e la flessibilità mentale, ringiovanito il cervello e le cellule immunitarie”.

“Questi risultati – commenta la scienziata – gettano nuova luce sulle malattie cerebrali legate all’età e potrebbero contribuire allo sviluppo di un trattamento in grado di arrestare la progressione dei sintomi”. Il gruppo di ricerca aveva studiato la risposta integrata allo stress (ISR), che può essere attivata all’interno di una cellula a causa di determinate condizioni, come un’infezione virale o una mutazione genetica e provoca l’eliminazione delle cellule compromesse. “Il nostro farmaco inibisce questa risposta – afferma l’esperta – e riavvia il meccanismo di sintesi proteica della cellula dopo essere stato fermato da una risposta allo stress. Nei nostri esperimenti sono bastati pochi giorni per ripristinare una normale funzione cerebrale nei topi con lesioni cerebrali”.

Peter Walter
Peter Walter

Stando ai risultati del team, l’attività elettrica tra i neuroni era più vigorosa e la capacità di formare connessioni stabili con altre cellule era aumentata. “Un farmaco in grado di sortire questi effetti – sostiene Peter Walter, collega e coautore di Rosi – potrebbe essere utile contro una serie di patologie, come demenza, Alzheimer, Parkinson e persino la sclerosi laterale amiotrofica (SLA)”.

“Questi dati – conclude Rossi – suggeriscono che il cervello anziano non perde in modo permanente le capacità cognitive essenziali, come si tende a presumere. Piuttosto si tratta di una sorta di blocco, che può essere rimosso tramite approcci farmacologici”.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.