Sesso e coronavirus, il vaccino non abbassa la libido

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

Sesso e coronavirus, il vaccino non abbassa la libido
Sesso e coronavirus, il vaccino non abbassa la libido
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Il vaccino non causa disfunzione erettile. La covid, sì. Non è vero che i vaccini anti-covid provocano disfunzione erettile e infertilità maschile. Il SARS-CoV-2, invece, potrebbe.

Uno degli argomenti preferiti dei no-vax riguarda i presunti effetti negativi dei vaccini anti-covid sulla salute sessuale e la fertilità maschile. La ricerca scientifica dimostra esattamente l’opposto: non c’è alcuna prova del fatto che i vaccini compromettano la funzionalità del sistema riproduttivo maschile e causino disfunzione erettile, ma potrebbe farlo la covid, se si finisse per essere contagiati.

Spermatozoi ridotti. Gli scienziati del programma di urologia riproduttiva della Scuola di Medicina dell’Università di Miami hanno analizzato in fase di autopsia il tessuto dei testicoli di sei uomini morti di covid. Il virus era presente in uno dei campioni, mentre in altri tre sono stati trovati livelli ridotti di spermatozoi. Un’altra fase dello studio ha riguardato la biopsia dei testicoli di un uomo guarito dalla covid da tre mesi, eppure – come ha rivelato l’esame – con ancora tracce di coronavirus nell’apparato riproduttivo.

Uno degli aspetti meno conosciuti della covid riguarda la salute sessuale maschile. Shutterstock
Uno degli aspetti meno conosciuti della covid riguarda la salute sessuale maschile. Shutterstock

Problemi di circolazione. Per quanto riguarda la salute del pene, l’analisi dei tessuti di due uomini che si sono sottoposti a trapianto di pene ha mostrato che il virus era ancora presente in quelle cellule, a sette-nove mesi dalla diagnosi iniziale di covid. Entrambi avevano sviluppato una grave disfunzione erettile, probabilmente dovuta a un ridotto apporto di sangue nell’organo durante l’infezione (ricordiamo che la covid danneggia anche i vasi sanguigni). Uno di questi pazienti aveva contratto la covid in forma lieve, mentre l’altro era stato ricoverato in ospedale.

Una brutta abitudine dei virus. Il SARS-CoV-2 non è certo il primo virus che si insinua negli organi riproduttivi maschili. Si è di recente scoperto che il virus Ebola può rimanere latente in riserve virali nei testicoli per anni, prima di essere trasmesso di nuovo mediante rapporti sessuali. Il coronavirus della SARS fu individuato nei testicoli di sei pazienti deceduti per l’infezione nel 2006: il virus aveva fatto scempio dei tessuti, distruggendone le cellule. I virus del morbillo e di Zika possono entrare nei testicoli e causare infiammazione – il 20% degli uomini che li contraggono riportano più avanti una ridotta produzione di spermatozoi.

I vaccini? Sicuri. Lo stesso team di scienziati ha infine analizzato gli effetti dei vaccini a mRNA di Pfizer e Moderna sul sistema riproduttivo maschile e non ha riscontrato segni di disfunzione erettile o riduzione della fertilità. I vaccini anti-covid sono sicuri anche da questo punto di vista. Una ragione in più per non esitare ancora.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Inviami gli Articoli in Email:

2 Commenti

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.