Ricette dematerializzate dal proprio medico di famiglia

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Ricette dematerializzate dal proprio medico di famiglia
Ricette dematerializzate dal proprio medico di famiglia
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Per la ricetta non bisogna più passare dal medico, basta la mail o un whatsapp. Lo ha deciso un’ordinanza appena firmata dalla Protezione civile per limitare gli spostamenti dei cittadini e ridurre la diffusione del virus.

Ricetta medica via email o con messaggio sul telefono senza più la necessità di ritirare fisicamente, e portare in farmacia, il promemoria cartaceo. Lo ha deciso un’ordinanza appena firmata dalla Protezione civile. «Dobbiamo fare di tutto per limitare gli spostamenti e ridurre la diffusione del virus Covid-19. Puntiamo con forza sulla ricetta medica via email o con messaggio sul telefono», ha spiegato il ministro della Salute Roberto Speranza

Non si ferma l’Italia dei flash-mob, per dire grazie ai medici

Niente più ricetta cartacea
In sostanza l’ordinanza consente ai cittadini di ottenere dal proprio medico anche con un sms o un whatsapp o al telefono il «Numero di ricetta elettronica» senza più la necessità di ritirare fisicamente, e portare in farmacia, il promemoria cartaceo. Oppure potranno ottenere il la ricetta medica dematerializzata sulla propria mail (quella Pec o quella ordinaria(. «Al momento della generazione della ricetta elettronica da parte del medico prescrittore – avverte l’ordinanza – l’assistito può chiedere al medico il rilascio del promemoria dematerializzato ovvero l’acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica». Nella stessa ordinanza vengono disciplinate anche tutte le modalità operative per farmacie e Asl per i farmaci distribuiti in modalità diverse dal regime convenzionale e per i medicinali che richiedono un controllo ricorrente dei pazienti.

Coronavirus, nuova autocertificazione: si dichiara la non positività

Le tre opzioni
Sono tre le possibili tipologie di invio della ricetta al cittadino per evitare di passare fisicamente dal medico. Innanzitutto la «trasmissione del promemoria in allegato a messaggio di posta elettronica, laddove l’assistito indichi al medico prescrittore la casella di posta elettronica certificata (PEC) o quella di posta elettronica ordinaria (PEO)». Oppure la «comunicazione del Numero di Ricetta Elettronica con SMS o con applicazione per telefonia mobile che consente lo scambio di messaggi e immagini, laddove l’assistito indichi al medico prescrittore il numero di telefono mobile». Infine è possibile la «comunicazione telefonica da parte del medico prescrittore del Numero di Ricetta Elettronica laddove l’assistito indichi al medesimo medico il numero telefonico».

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.