Matrimonio e tradimento, possibile evitarlo?

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Matrimonio e tradimento, possibile evitarlo?
Matrimonio e tradimento, possibile evitarlo?
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Identikit di un infedele: quando la psicologia aiuta a prevedere i tradimenti. Una ricerca della Florida State University ha individuato le caratteristiche che identificano le persone che hanno maggiore facilità a tradire. Rivelando l’esistenza di due meccanismi  che aiutano a evitarlo.

GIOVANI, insoddisfatti, incapaci di distogliere lo sguardo da una persona avvenente, molto attivi sessualmente, sia prima che durante il matrimonio. Vi ricorda qualcuno? Beh, potreste avere un problema. Quelle citate infatti sono tutte caratteristiche fortemente collegate al rischio di infedeltà, almeno stando ai risultati di una ricerca della Florida State University pubblicata di recente sulle pagine del Journal of Personality and Social Psychology. Uno studio svolto su 233 coppie di sposi novelli che, oltre a fornire un identikit (non poi così sorprendente) dei partner più infedeli, identifica anche due meccanismi psicologici innati che aiuterebbero gli uomini e donne a evitare l’adulterio.

Lo studio ha seguito i coniugi per un periodo di circa tre anni e mezzo, chiedendo ai partecipanti di condividere con i ricercatori diversi dettagli intimi della loro relazione: quanto fossero soddisfatti della propria vita di coppia, come andasse la vita sessuale, quanto affetto provassero l’uno per l’altra e se avessero mai tradito il partner durante il periodo della ricerca. All’inizio dello studio, inoltre, i coniugi sono stati sottoposti a una serie di test pensati per valutare la forza di due meccanismi psicologici innati definiti dagli autori attentional disengagement ed evaluative devaluation.

Fondamentalmente – spiegano gli psicologi della Florida State University – si tratta di forme di “autodifesa” inconsce che tutti mettiamo in pratica quando ci troviamo di fronte a potenziali partner sessuali e siamo già impegnati in una relazione romantica. Nel primo caso, cioè l’attentional disengagement, parliamo dell’abitudine a distogliere lo sguardo quando ci si trova sotto gli occhi una persona dell’altro sesso particolarmente avvenente. Mentre con evalutative devaluation ci si riferisce alla tendenza a svalutare la bellezza di altri uomini o donne rispetto a quella del proprio partner, anche nel caso in cui ci si trovi di fronte a persone indiscutibilmente avvenenti.

Nei loro esperimenti i ricercatori hanno fatto osservare alle coppie diverse foto di persone dell’altro sesso, misurando in primo caso la velocità con cui veniva distolto lo sguardo, e chiedendo invece in una seconda serie di test di valutare l’avvenenza delle persone ritratte nell’immagine, per poi comparare i loro voti con quelli espressi da alcuni volontari single. I risultati hanno dimostrato che entrambi i meccanismi psicologici hanno un collegamento diretto con le probabilità di tradimento: sia la velocità con cui si distoglie lo sguardo, che la tendenza a sminuire la bellezza di possibili partner sessuali, sono risultati direttamente correlati a una minore probabilità di infedeltà e a un maggiore successo nella vita coniugale. E nel caso dell’attention disengagement l’effetto sarebbe addirittura misurabile: una differenza di pochi millisecondi nella velocità con cui si distoglie lo sguardo sarebbe correlata a un 50% di rischio in meno di tradire il proprio compagno.

Analizzando i risultati al termine dell’indagine, inoltre, sono emerse diverse caratteristiche che aiutano a tratteggiare l’identikit dei coniugi più infedeli. Per prima cosa la bellezza, che nel caso delle donne mostra una correlazione negativa: le mogli meno avvenenti avrebbero una maggiore probabilità di tradire il marito. Mentre per gli uomini, che non sarebbero più o meno infedeli in relazione alla propria bellezza personale, l’infedeltà sembra legata piuttosto all’aspetto della compagna: quando la moglie è meno avvenente aumenta infatti il rischio di tradimenti (spesso ricambiati, come abbiamo appena visto).

Anche la soddisfazione sotto le lenzuola sarebbe collegata alla probabilità di un tradimento, ma l’effetto (forse) non è quello sperato: gli uomini che si sono dichiarati molto soddisfatti della vita sessuale con la propria compagna hanno mostrato infatti una maggiore propensione al tradimento. A concludere la lista, infine, troviamo giovane età, insoddisfazione nella vita coniugale e anche un passato “libertino”, tutte caratteristiche fortemente associate ad un alto rischio di tradimenti.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.