La nuova Sars cinese si diffonde molto rapidamente

Amicizia ed Incontri in Web Cam

La nuova Sars cinese si diffonde molto rapidamente
La nuova Sars cinese si diffonde molto rapidamente
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Virus Cina, Virologo: “Preoccupa velocità di diffusione, rassicura mortalità bassa”. “Il ciclo di replicazione di questo coronavirus è molto rapido ed è già stata accertata una capacità infettante superiore a quella della Sars, oltre a un’ampia capacità di contagio umano, con una mortalità, però, piuttosto bassa, dell’1-2%” spiega Tweet 31 gennaio 2020 “Ciò che è più allarmante è la diffusione rapida che ha questo virus, mentre l’elemento più tranquillizzante sembra essere la mortalità molto bassa”.

Lo dice all’Adnkronos Salute Giorgio Palù, professore ordinario di Microbiologia e virologia all’università di Padova ed ex presidente della Società europea e italiana di virologia. “Su ‘Science’ di oggi – fa sapere l’esperto – epidemiologi di Hong Kong, londinesi e americani, sulla base dello studio del ciclo di infezioni accertate, ipotizzano che i casi siano di alcune decine di migliaia. Il ciclo di replicazione di questo coronavirus è molto rapido ed è già stata accertata una capacità infettante superiore a quella della Sars, oltre a un’ampia capacità di contagio umano, con una mortalità, però, piuttosto bassa, dell’1-2%”.

Per Palù, “bisogna tenere presente che più un virus è violento e mortale, più si autolimita: il 2019-nCov invece si replica velocemente e non causa alta mortalità, quanto piuttosto a un impatto importante a livello dei sistemi sanitari e sociali, pesa sugli ospedali, sui giorni di lavoro persi, sulla produttività, sugli scambi commerciali e comunicativi. Non è un caso che sia stato un quotidiano economico come il ‘Wall Street Journal’ a parlarne per primo”, conclude.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.