La bambina più intelligente del Mondo

Amicizia ed Incontri in Web Cam

La bambina più intelligente del Mondo
La bambina più intelligente del Mondo
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ophelia, la bambina di tre anni più intelligente di Einstein. Ophelia Morgan Dew è una bambina inglese di soli tre anni con uno straordinario quoziente intellettivo. La piccola è più intelligente di Albert Einstein. La piccola Ophelia, figlia di Natalie e Ben Morgan Dew, è una bambina di soli tre anni che vive nell’Herefordshire – in Inghilterra – e che è già entrata a far parte del Mensa, l’associazione internazionale per persone ad alto quoziente intellettivo.

Il Mensa è un’esclusiva associazione dedicata alle persone ad alto quoziente di intelligenza. Si tratta di un luogo di scambio intellettuale tra i vari membri, presenti in oltre 100 Paesi in tutto il mondo. Le attività includono lo scambio di idee attraverso conferenze, dibattiti, riviste, gruppi di interesse, incontri locali, regionali, nazionali e internazionali, lo studio delle opinioni e degli atteggiamenti dei membri.

La struttura ha aperto le porte alla piccola Ophelia e la mamma Natalie ha pubblicamente ringraziato l’organizzazione, la quale invia le sue risorse per sollecitare e intrattenere sua figlia. Il Mensa sosterrà anche la sua scuola materna e la futura scuola elementare per garantire che Ophelia non si annoi e non sia ostacolata quando inizierà gli studi. Ma cos’ha di speciale questa bambina?

Ophelia Morgan Dew è diventata ufficialmente membro del Mensa dopo che i risultati dei test sul suo quoziente intellettivo hanno mostrato che era nella top 0.03% della sua fascia di età. Ha anche segnato il livello di intelligenza di un bambino di sei anni e mezzo. Ophelia ha un QI di 171, molto al di sopra della media. Supera perfino Albert Einstein, che aveva un QI pari a 160. Le straordinarie doti di questa bambina, tuttavia, non finiscono di sorprendere…

Il punteggio medio del quoziente per le persone di tutte le età è 100, con la maggior parte delle persone che vanno da 85 a 115. Inoltre, la piccola ha sostenuto il test Stanford-Binet, utilizzato per valutare i bambini a partire dai due anni di età su aree quali la consapevolezza spaziale e le competenze verbali e logiche. Ophelia è la prima e unica figlia di Natalie e Ben: i due non erano sicuri dei tempi usuali delle tappe d’apprendimento dei bambini.

La piccola ha detto la sua prima parola, “hiya”, a pochi mesi. “In realtà è stato dall’età di circa otto mesi che ci siamo resi conto di quanto potesse essere brillante. Ha detto la sua prima parola. Ha imparato i numeri e i colori molto presto”, ha raccontato Natalie. All’età di due anni, Ophelia è stata in grado di ricordare e recitare l’alfabeto.

Dopo essersi informati online, i genitori hanno capito che la piccola era dotata di un’intelligenza sopra la media, ma è stato solo quando ha iniziato a giocare a scuola che si sono resi conto di quanto fosse più avanzata rispetto ai suoi coetanei. Fu allora che decisero di far valutare Ophelia, portandola da uno psicologo infantile specializzato in bambini dotati.

Albert-Einstein“Volevamo solo capire come potevamo aiutarla. Non volevamo che si sentisse sotto pressione, ma allo stesso tempo non volevamo che si sentisse sottostimata”, spiega il padre Ben, addetto al supporto informatico. Lyn Kendall, una psicologa e consulente per bambini dotati per la British Mensa, ha affermato che i bambini eccezionali elaborano le cose rapidamente, hanno una buona memoria e sono più attenti a ciò che sta accadendo intorno a loro. Hanno anche sete di imparare, e – secondo lei – i genitori difficilmente riescono a tenere il passo.

“Di solito quando i genitori vengono da me dicono: ‘aiutaci, il nostro bambino non vuole smettere di fare domande e di imparare tutto il tempo’. Questi bambini iniziano alle cinque del mattino e non si fermano fino a quando non vanno a dormire”, ha dichiarato. “Una cosa che i genitori scoprono è che si tratta di un’esperienza abbastanza isolante. Non è possibile parlarne con gli altri genitori ai cancelli della scuola, perché sembra che sia un vanto”.

A ogni modo, la dottoressa Kendall ha tenuto a sottolineare che i genitori dovrebbero accertarsi che i loro bambini siano ben equilibrati. In effetti, Natalie e Ben sono consapevoli che alcune persone possono accusarli di essere dei cattivi genitori“Ero preoccupata che la gente pensasse che fossimo genitori oppressivi”, ammette Natalie. Tuttavia, la dottoressa Kendall ha affermato che Natalie e Ben sono decisamente in grado di preservare l’infanzia della loro bambina e stanno facendo un ottimo lavoro, mentre ha conosciuto altre persone decisamente invadenti, caratteristica a cui lei è fortemente contraria.

Ophelia-infanzia-“Questi genitori offrono ai loro figli cibi ad alto contenuto energetico, succhi di frutta speciali. La loro vita è scandita su un calendario. Ho genitori che mi chiamano e mi dicono: ‘Alle 18:30 abbiamo una conversazione intellettuale’. Quand’è che i loro figli hanno il tempo per essere semplicemente bambini?”, ha commentato. Anche il figlio della sig.ra Kendall, che ha ormai 36 anni, era un bambino di talento.

Ad oggi ha scritto un romanzo ed è dipendente alla Microsoft, il lavoro che ha sempre sognato. La psicologa ha raccontato di aver sempre messo l’accento sull’equilibrio psicologico di suo figlio. “Anche se il cervello di questi bambini va avanti alla velocità della luce, nei loro corpi e nelle loro emozioni ci sono ancora dei bambini e dobbiamo sempre ricordarcene”, ha concluso.

Natalie ha raccontato che Ophelia “Ama leggere libri e le piace molto anche il computer. Ma lei è più o meno come qualsiasi altro bambino di tre anni, le piace correre in giro e giocare con i cugini, saltare nelle pozzanghere, le cose normali per un bambino di quell’età. A lei piace anche solo imparare e provare cose nuove. Sono orgogliosa di Ophelia, non importa quello che fa, purché sia felice e sana”. Anche papà Ben è decisamente orgoglioso di sua figlia: “È come parlare con un diciannovenne. Fa le conversazioni giuste, escogita le sue idee. Sembra che lei capisca tutto molto più velocemente e se ne ricordi”.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.