Software @ Management - Assistenza Tecnica e Corsi Informatica ed Internet. Grafica per la stampa ed il web. Creazione ed Aggiornamento siti web. Campagne MMM SEM SEO!

In forte discesa il sogno Americano

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
In forte discesa il sogno Americano
In forte discesa il sogno Americano
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/sociale-collettivita/in-forte-discesa-il-sogno-americano/
Salari ai massimi, rialzo dei tassi vicino. L’economia Usa si surriscalda: giù Wall Street. Il Dow Jones perde il 4,62%. Giù anche Nasdaq e S&P 500. Immediata impennata per le materie prime, a partire dall’oro.

L’America dei tassi d’interesse bassi e della bassa inflazione non esiste più. L’hanno già mandata in archivio i grandi investitori della Borsa che scommettono sullo scenario esattamente opposto. Prevedono un surriscaldamento dell’economia che verrà innescato, intanto, dai salari che toccano già i livelli massimi dal 2009 e spingeranno verso l’alto l’inflazione.

Per contrastare la spinta dei prezzi è facile immaginare un rialzo dei tassi per mano della banca centrale (la Fed). Anzi: i rialzi potrebbbero essere molti nel corso del 2018, anche più di tre, come ha detto il presidente della Feddi Dallas, Robert Kaplan.

In questo scenario in movimento – mentre i titoli di Stato a dieci anni (Tresaury) si deprimono – Wall Street continua ad andare giù, ma stavolta con grande convinzione:

– il Dow Jones perde il 4,62% a 24.345,23 punti;
– il Nasdaq cede il 3,78% a 6.967,53 punti;
– lo S&P 500 lascia sul terreno il 4,11% a 2.648,54 punti.

E’ la peggior seduta per la Borsa americana dall’agosto 2011. E si è temuto un crollo addirittura catastrofico quando il Nasdaq, nel corso del pomeriggio, è arrivato a perdere fino a 1.500 punti, pari a oltre il 6%. Si è trattato di un “flash crash”, di un tracollo repentino, che si è fortunatamente attenuato in chiusura di seduta.

Quando la Borsa va giù con tanta virulenza, la colpa è anche degli algoritmi che – a certe condizioni – ordinano la cessione di titoli in modo automatico, come si è visto nella giornata di oggi.

Le cose potrebbero andare male anche nel prosieguo della settimana almeno a giudicare dal Vix, l’indice della volatilità e “della paura”. E’ oltre il 30% a livelli che non si vedevano dall’inizio del novembre 2016, prima dell’elezione di Trump alla presidenza statunitense. Proprio l’impennata del Vix, che da tempo stazionava a quota 16, avrebbe innescato la vendita simultanea dei titoli industriali.

Immediati gli effetti anche sulle materia prime. L’oro, il bene rifugio per eccellenza, sale dello 0,31% a 1.341,4 dollari.

Alza le antenne la Casa Bianca che, da qualche giorno, non nasconde la sua preoccupazione per l’andamento dei mercati azionari.

in Europa, tutti i mercati borsistici hanno sofferto:
– Parigi ha chiuso in ribasso dell’1,48%,
– Londra dell’1,46%,
– Francoforte ha limitato le perdite a meno 0,76%.

Piazza Affari, ha concluso la seduta con l’indice Ftse Mib in calo dell’1,64% a 22.821 punti e l’Ftse All share in ribasso dell’1,61% a quota 25.130.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/sociale-collettivita/in-forte-discesa-il-sogno-americano/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Shop @ Magiko - Vendita online di Articoli Esoterici e Magici. Ritualistica e Festival Anno Magico!