E’ guarito dall’HIV grazie a un trapianto di midollo osseo

Amicizia ed Incontri in Web Cam

E' guarito dall'HIV grazie a un trapianto di midollo osseo
E' guarito dall'HIV grazie a un trapianto di midollo osseo
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

“Il paziente inglese” guarisce dall’Hiv: è la seconda persona al mondo. Si chiama Adam Castillejo, ha 40 anni ed è nato in Venezuela, ma vive a Londra da quasi 20 anni. Dopo essere divenuto noto come “il paziente di Londra” a protezione della sua privacy, ha deciso di venire allo scoperto e rivelare la sua identita in un’intervista al New York Times

“Voglio essere un ambasciatore di speranza”. Ha scelto il momento giusto per dirlo, Adam Castillejo, 40 anni, nato in Venezuela ma residente da due decenni a Londra, anche per questo diventato noto come “il paziente inglese”: è la seconda persona al mondo completamente guarita dall’Hiv, il virus che, se non viene trattato, causa l’Aids. Nessuno conosceva finora la sua vera identità: adesso ha deciso di rivelarla, in un’intervista al New York Times."Il paziente inglese" guarisce dall'Hiv:

“Credo di trovarmi in una posizione unica per infondere un messaggio di speranza al mondo”, afferma. Quando scoprì di avere contratto l’Hiv aveva soltanto 23 anni e la notizia fu per lui come una sentenza: “Un’esperienza terrificante, un trauma difficile da superare. Fortunatamente, grazie alle cure farmacologiche, ho potuto vivere in maniera relativamente tranquilla”.

Nel 2013, per curare un linfoma al quarto stadio, Adam ha subito un trapianto di midollo osseo da un donatore che aveva una particolare mutazione genetica, grazie alla quale aveva sviluppato una specie di immunità all’Hiv. Da allora si è sottoposto a una serie di trattamenti a base di farmaci antiretrovirali. L’ultimo ciclo risale all’ottobre 2017. Ora, trascorso un anno e mezzo, i medici gli hanno annunciato la sua totale guarigione dall’Hiv.

Il primo caso di guarigione risale a 13 anni or sono e riguardava Timothy Ray Brown, fino a quel momento identificato come “il paziente di Berlino”. Da oggi a portare la buona novella che dai virus si può guarire, anche dai più temibili e tenaci, c’è pure “il paziente di Londra”. Una testimonianza che giunge nel giorno giusto, in un mondo ferito e spaventato dal coronavirus.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.