Cresce la domanda di Palladio che ora vale più dell’Oro

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Cresce la domanda di Palladio che ora vale più dell'Oro
Cresce la domanda di Palladio che ora vale più dell'Oro
Condividi l'Articolo

Perché il palladio è diventato più prezioso dell’oro. Il metallo raro da mesi brucia record su record in una corsa sfrenata che lo ha visto attestarsi a poco meno di 1.600 dollari l’oncia. Trecento dollari più dell’oro e 640 dollari più del platino.
Il palladio è il nuovo bitcoin. O almeno così sembra. Più prezioso dell’oro e del platino, il metallo raro da mesi brucia record su record in una corsa sfrenata che lo ha visto attestarsi a poco meno di 1.600 dollari l’oncia. Trecento dollari più dell’oro e 640 dollari più del platino. Inarrestabile, ha superato velocemente anche la soglia psicologica dei 1.500 dollari l’oncia, ha triplicato il suo valore in soli tre anni e guadagnato quasi il 30% da inizio anno.Palladio Terre Rare Oro

A cosa è dovuta la fame di palladio?

Estratto principalmente da alcuni minerali di rame e nichel, il metallo raro bianco-argenteo viene usato da tempo nell’industria come catalizzatore, e in gioielleria. Ma a far crescere la domanda è il suo impiego nelle auto a benzina e ibride. Le specifiche sempre più severe per il controllo delle emissioni, inoltre, costringono a usare quantità crescenti di questo metallo nei catalizzatori. C’è un problema però: le scorte di palladio si stanno esaurendo.

Le scorte sono quasi finite

Da otto anni, spiega il Sole24Ore, il mercato del palladio è in deficit di offerta e oggi ci sono forti segnali di scarsità. Le scorte – che a lungo avevano soddisfatto una buona parte del fabbisogno – sono scese a livelli critici: secondo le stime (non facili) nei magazzini di tutto il mondo sarebbero rimaste tra 10 e 18 milioni di once di palladio, equivalenti a 1-2 anni di consumi, afferma un report del raffinatore Heraeus.

Le scorte di Stato russe – un tesoro un tempo immenso, detenute nella massima segretezza dal Gokhran (Tesoreria di Stato della Russia) – si ritengono ormai esaurite, mente il palladio fisico che costituisce il patrimonio di Etf (exchange-traded fund) si è ridotto a meno di 700mila once, il minimo da dieci anni: la fame di metallo tra i produttori di marmitte catalitiche è tale che gli investitori trovano più redditizio cederlo a questi ultimi piuttosto che continuare a detenere Etf (che peraltro hanno già regalato formidabili plusvalenze).

A ciò si aggiunge il fatto che l’80% delle forniture arriva da due Paesi soltanto: il Sudafrica – dove l’industria mineraria è in crisi da anni – e la Russia, dove opera il primo produttore mondiale, Norilsk Nickel. Quest’ultimo prevede che la domanda, già da record nel 2018, aumenterà ancora di circa il 5% quest’anno (a 11,2 milioni di once) e che il deficit salirà da 600 mila a 800 mila once.

L’ipotesi della speculazione

La domanda di palladio però non basta a spiegare le ragioni del rally. Un numero crescente di esperti – osserva ancora il Sole – è convinto che dietro ci sia anche una bolla speculativa e oggi mette in guardia dal rischio di una brusca correzione. Sono di questo parere ad esempio gli analisti di Ubs e Saxo Bank.

Per gli esperti, spiega il sito Wall Street Italia, il rally del palladio è del tutto artificiale e finirà inevitabilmente, a causa dell’innovazione tecnologica e dell’inevitabile passaggio all’elettrico. Ecco perché gli investitori hanno cominciato a vedere, come è success con bitcoin, la criptovaluta che in un anno di tempo ha visto il suo valore crollare dell’80%.

 

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.