Creati nuovi vaccini dallo studio del sistema immunitario

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Creati nuovi vaccini dallo studio del sistema immunitario
Creati nuovi vaccini dallo studio del sistema immunitario
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Lo sviluppo dell’immunità nei neonati: come l’ordine sorge dal caos. Un gruppo di recenti ricerche si sta concentrando sull’attività del sistema immunitario subito dopo la nascita, quando il neonato si trova ad affrontare per la prima volta numerose minacce esterne. Insieme ad analoghe ricerche sullo sviluppo del sistema immunitario nei bambini e negli adulti, questi studi serviranno a realizzare vaccini migliori.Molti aspetti del sistema immunitario sono rimasti a lungo misteriosi per gli scienziati. La sua attività è incredibilmente complicata e varia molto da individuo a individuo; una comprensione più profonda di come funziona potrebbe portare a vaccini più numerosi e migliori, e persino a una distinzione più chiara tra salute e malattia.

Ora tre studi riferiscono di aver trovato dei nuovi modelli in mezzo all’apparente caos del sistema, modelli che riguardano anche i giorni cruciali immediatamente successivi alla nascita, quando il sistema immunitario si trova ad affrontare per la prima volta molte minacce provenienti dal mondo esterno.

Lo scorso anno, alcuni ricercatori europei hanno pubblicato un’analisi del sistema immunitario di 100 bambini nati prematuri tra una e 12 settimane dopo la nascita. E in uno studio apparso questa settimana su “Nature Communications”, un consorzio globale di ricercatori ha iniziato a stabilire una linea di riferimento per uno sviluppo sano del sistema immunitario esaminando quali geni, proteine e cellule immunitarie sono attivi durante i primi sette giorni di un neonato.

Baby boy sleeping, close up
Baby boy sleeping, close up

“In tutta la prima settimana di vita avvengono massicci cambiamenti molecolari”, dice Ofer Levy, medico dello staff e direttore del programma Precision Vaccines del Boston Children’s Hospital, che ha contribuito allo studio più recente. “Cambiano oltre 1000 geni, molte proteine, centinaia di metaboliti: stiamo parlando di cambiamenti davvero radicali”.

Entrambi questi studi – e un terzo che guarda al sistema immunitario degli adulti – fanno parte di uno sforzo crescente per capire non solo i pezzi del sistema, ma il modo in cui si adattano fra loro, dice Petter Brodin, immunologo pediatrico e docente al Karolinska Institute di Stoccolma, autore senior dell’articolo dell’anno scorso. “Il sistema immunitario è estremamente complesso; ci sono così tante parti in movimento”, dice Brodin. “Se ci concentriamo solo su, diciamo, un tipo di cellula o di proteina, non saremo in grado di vedere come è cablato il sistema nel suo complesso, o come è regolato e funziona in un dato paziente in un dato momento”.

Brodin aggiunge di essere rimasto sorpreso quando la sua ricerca ha indicato che il sistema immunitario dei bambini risponde alla nascita in modi simili, indipendentemente dal fatto che siano nati a termine o prematuri.

“Quando il bambino esce e affronta l’ambiente per la prima volta succede qualcosa”, dice. “Avvengono molti cambiamenti drastici”. La ricerca di Brodin mostra che i batteri colonizzano rapidamente il tratto digestivo, la pelle e i polmoni dei neonati, e questa secondo lui è la “forza trainante” dei cambiamenti. “Pensiamo che questo sia il fattore scatenante dopo la nascita, che sia la ragione per cui tutti i bambini rispondono in modo simile: sono tutti colonizzati”, dice. Ulteriori ricerche potrebbero aiutare a distinguere la normale variazione individuale e determinare in che modo i neonati con certe caratteristiche affronteranno l’infanzia, osserva.

Nello studio pubblicato questa settimana, Levy e gli altri ricercatori del gruppo internazionale hanno confrontato due campioni di sangue di 30 neonati nati in Gambia, in Africa occidentale, convalidando i loro risultati in altri 30 neonati nati dall’altra parte del mondo, in Papua Nuova Guinea. Sono stati così in grado di ottenere enormi quantità di dati da un solo millilitro di sangue di ciascun bambino, una cosa che solo pochi anni fa non sarebbe stata possibile, dice Levy, che è anche professore alla Harvard Medical School.

Anche se i neonati hanno mostrato molte variazioni nelle misure di attività genetica, immunitaria e metabolica, il team è stato sorpreso di trovare quelle che Levy definisce “firme di base” del cambiamento di attività geniche e immunitarie dei bambini nel corso della prima settimana dopo la nascita.

Lo studio ha cominciato a impostare un parametro di base del comportamento immunitario che sarà utile per capire come i bambini prematuri o malati differiscono da quella norma, dice Levy, la cui squadra sta ora studiando in che modo i vaccini influenzano il processo.

Anche James Wynn, professore associato all’Università della Florida che studia le infezioni del sangue nei neonati, ritiene che lo studio del consorzio aiuti a stabilire un parametro di base di quel tipo, “una sorta di tabella di marcia  di ciò che avviene durante quella prima settimana”. Wynn, che non è stato coinvolto in nessuno dei nuovi studi, dice che è ansioso di vedere i dati relativi ad ancora più bambini, e in particolare a neonati prematuri come quelli che cura e studia. “Penso che questo lavoro sia fondamentale per determinare uno stato di malattia”, dice.GENETICS, DNA

In un terzo studio recente, che ha esaminato il sistema immunitario in età adulta, scienziati dell’Università di Stanford e di Israele hanno seguito per più di nove anni l’attività nel sistema immunitario di 135 adulti di varie età. La ricerca, pubblicata all’inizio di questo mese su “Nature Medicine”, indica che, sebbene il sistema immunitario di ogni adulto sia diverso, i cambiamenti legati all’età seguono una traiettoria comune. È come se tutti guidassero verso la stessa posizione ma a velocità diverse, dice Shai Shen-Orr, coautore senior dello studio e responsabile del laboratorio di immunologia dei sistemi e medicina di precisione al Technion-Israel Institute of Technology.

Shen-Orr dice che lui e i suoi collaboratori hanno usato queste informazioni per sviluppare una misura clinica della salute immunitaria che può dire ai pazienti se il loro sistema immunitario funziona in modo appropriato, allo stesso modo in cui sono usati i livelli di colesterolo e la pressione sanguigna per valutare la salute cardiovascolare.

I dati potrebbero anche aiutare a identificare le persone che non trarranno beneficio dai vaccini antinfluenzali, dice, aggiungendo che potrebbe anche potenzialmente servire come punto di riferimento per i cambiamenti di stile di vita o per i farmaci destinati a rallentare l’invecchiamento immunologico.

Wayne Koff, presidente e amministratore delegato dello Human Vaccines Project (un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro che lavora per decodificare il sistema immunitario umano), dice che tutte queste indagini per tracciare un quadro complessivo del sistema sono cruciali per lo sviluppo di vaccini di nuova generazione.

Quelli facili da creare sono già stati ottenuti, dice; studi come questi, che rivelano il funzionamento dettagliato del sistema immunitario, sono essenziali per espandere il portafoglio di malattie che possono essere prevenute o curate. “Negli ultimi sei-otto anni, forse, si è capito che comprendere la complessità di fondo del sistema immunitario umano è davvero al centro della prossima rivoluzione nella sanità pubblica”, dice. “È la prossima frontiera della medicina.”

(L’originale di questo articolo è stato pubblicato su “Scientific American” il 13 marzo 2019. Traduzione ed editing a cura di Le Scienze. Riproduzione autorizzata, tutti i diritti riservati.)

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.