Cervelli prodotti in laboratorio acquisiscono autocoscienza

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Cervelli prodotti in laboratorio acquisiscono autocoscienza
Cervelli prodotti in laboratorio acquisiscono autocoscienza
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Siamo “pericolosamente vicini” alla creazione di mini-cervelli senzienti. I mini cervelli utilizzati negli studi di neuroscienze sono sempre più sofisticati e vicini al funzionamento di un cervello senziente. Secondo alcuni neuroscienziati, però, è giunto il momento di stabilire delle regole etiche per questo settore della ricerca, prima che si possa procurare sofferenza, sia pure involontariamente o per il progresso della scienza.

La comunità scientifica rischia di oltrepassare (o potrebbe averlo già fatto) le sue responsabilità etiche nella fretta di studiare e comprendere i misteri del cervello attraverso la sperimentazione con sostituti sviluppati artificialmente, avvertono i ricercatori.

I mini-cervelli, noti anche come organoidi, negli ultimi anni sono diventati una risorsa estremamente importante nelle neuroscienze e nei campi correlati.

Ma mentre questi analoghi coltivati ​​in laboratorio derivati ​​da cellule staminali non sono tecnicamente considerati organi umani o animali, stanno diventando funzionalmente abbastanza vicini da giustificare gravi preoccupazioni etiche – se non addirittura un divieto assoluto sul loro uso, secondo alcuni neuroscienziati.

In una presentazione svoltasi nei giorni scorsi al più grande raduno di neuroscienziati del mondo, un team guidato da ricercatori del Green Neuroscience Laboratory di San Diego ha spiegato perché è necessario sviluppare “urgentemente” un quadro di criteri che stabilisca cosa è “senziente”, così che la ricerca futura che utilizza mini-cervelli e colture di cellule staminali possa essere vincolata ad un insieme di regole etiche.

Le caratteristiche compositive e causali in queste culture sono – per progettazione – spesso molto simili ai substrati neurali presenti in natura“, spiega il team nell’abstract.

I recenti sviluppi nella ricerca organoide comportano anche che i substrati anatomici si stanno ora avvicinando all’organizzazione della rete locale e alle strutture più grandi trovate negli animali senzienti“.

Mini cervello a 10 mesi. (Muotri Lab / UCTV)
Mini cervello a 10 mesi. (Muotri Lab / UCTV)

Ci sono molte prove a sostegno di questo. Negli ultimi anni, gli scienziati hanno promosso i mini-cervelli come alternativa economica e pratica ai test sugli animali e i progressi nella cura delle cellule staminali stanno aiutando gli scienziati a capire come imitare i complessi sottotipi neurali del tessuto cerebrale umano.

I mini-cervelli coltivati ​​in piatti hanno permesso ai ricercatori di sondare le differenze tra umani e scimpanzé e il ritmo rapido con cui il campo si sta evolvendo è quasi spaventoso.

Nel marzo scorso, gli scienziati hanno sviluppato un mini-cervello che pare fosse approssimativamente analogo come complessità a un cervello fetale umano tra le 12 e le 13 settimane – e, nel contesto del loro esperimento modello, si è collegato spontaneamente a un midollo spinale e ad un tessuto muscolare vicini.

Alcuni mesi dopo, in un altro esperimento, i ricercatori hanno scoperto che l’attività elettrica esibita da questi organoidi somigliava in modo sorprendente a quella delle onde cerebrali umane.

Mentre i team scientifici dietro questi incredibili traguardi di solito sono veloci nell’osservare che gli organoidi che siamo in grado di sviluppare oggi sono ben lontani dal mostrare la raffinatezza neuronale del cervello umano e animale, Ohayon e i modelli computazionali del suo team suggeriscono che ci stiamo avvicinando terribilmente a far crescere un cervello senziente in un piatto.

L’attuale ricerca sugli organoidi è pericolosamente vicina all’attraversamento di questo Rubicone etico e potrebbe averlo già fatto“, spiegano i ricercatori.

Nonostante la percezione sul campo che la complessità e la diversità degli elementi cellulari in vivo rimanga ineguagliata dagli organoidi di oggi, le culture attuali sono già isomorfe alla struttura e all’attività del cervello senziente in settori critici e quindi possono essere in grado di supportare l’attività e il comportamento senzienti“.

Il Green Neuroscience Laboratory è gestito da Elan Ohayon e Ann Lam, due neuroscienziati che hanno delineato una  “Roadmap to a New Neuroscience”: un insieme di principi etici fondamentali per la loro ricerca, progettato per escludere “metodologie tossiche“, sperimentazione animale e metodi che altrimenti violano i diritti, la privacy e l’autonomia di una persona.

Dal loro punto di vista, lo stato di sofisticazione nell’attuale ricerca sul mini-cervello significa che dovremmo offrire gli stessi tipi di protezioni agli organoidi primitivi che potrebbero essere abbastanza complessi da avere pensieri e sensazioni.

Se c’è la possibilità che l’organoide sia senziente, potremmo attraversare quella linea“, ha dichiarato Ohayon al The Guardian . “Non vogliamo che si facciano ricerche in cui esiste la possibilità di provocare sofferenza“.

Il team Green non è l’unico ad esternare simili scrupoli. In uno studio pubblicato questo mese, i neuroscienziati dell’Università della Pennsylvania hanno discusso del perché il settore abbia bisogno di linee guida che attualmente non esistono, specialmente nel contesto di esperimenti in cui organoidi coltivati ​​in laboratorio vengono trapiantati in corpi ospiti di animali.

Il campo si sta sviluppando rapidamente e mentre continuiamo su questa strada, i ricercatori devono contribuire alla creazione di linee guida etiche basate su principi scientifici che definiscono come affrontare il loro uso prima e dopo il trapianto negli animali“, afferma il neurochirurgo Isaac Chen.

Gli organoidi cerebrali attuali e gli ospiti di organoidi cerebrali al momento non si avvicinano al raggiungimento di alcun livello di autocoscienza. Bisogna avere la saggezza di comprendere le considerazioni etiche rilevanti al fine di evitare potenziali insidie ​​che potrebbero sorgere mentre questa tecnologia avanza“.

La ricerca è stata presentata a Neuroscience 2019, l’incontro annuale della Society for Neuroscience, che si è tenuto a Chicago questa settimana.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.