Assegnato il Nobel 2020 per l’economia alla teoria delle aste

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Assegnato il Nobel 2020 per l'economia alla teoria delle aste
Assegnato il Nobel 2020 per l'economia alla teoria delle aste
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Paul R. Milgrom e Robert B. Wilson hanno vinto il Nobel per l’Economia. “Per i loro studi sulla teoria delle aste e l’invenzione di nuovi formati di asta”. Il Nobel per l’Economia 2020 è stato assegnato a Paul R. Milgrom e Robert B. Wilson “per i loro studi sulla teoria delle aste e l’invenzione di nuovi formati di asta”. L’importante riconoscimento non è tecnicamente un Nobel come gli altri, ma un premio della Banca di Svezia per le scienze economiche in memoria di Alfred Nobel.

Milgrom e Wilson hanno dedicato buona parte dei loro studi all’analisi dei meccanismi di funzionamento delle aste. Sulla base delle loro scoperte ed esperienze hanno inoltre sviluppato nuovi formati d’asta, sia per beni sia per servizi che sono solitamente difficili da vendere in modo tradizionale. Secondo il Comitato che ha assegnato il premio, le loro scoperte hanno portato a benefici non solo per i venditori e gli acquirenti, ma anche per i contribuenti in molte aree del mondo grazie a sistemi più adeguati per gli stati per mettere all’asta beni particolari, come le frequenze radio utilizzate nelle telecomunicazioni.

 <i class="fas fa-camera"></i> Paul R. Milgrom (<a href="https://www.gsb.stanford.edu/faculty-research/faculty/paul-r-milgrom"> Stanford University</a>); Robert B. Wilson (<a href="https://www.gsb.stanford.edu/faculty-research/faculty/robert-wilson">Stanford University</a
Paul R. Milgrom ( Stanford University); Robert B. Wilson (Stanford University</a

In linea di massima, tendiamo a vendere cose a chi ci fa l’offerta più alta per ottenerle, così come le compriamo da chi tende a offrirle al prezzo più conveniente. La compravendita tramite asta è diventata un elemento determinante nell’economia odierna, con enormi quantità di denaro scambiate ogni giorno e non solo per beni come antiquariato, pezzi d’arte e abitazioni. Si vendono all’asta materie prime di vario tipo e gli stessi governi compiono acquisti tramite le aste.

La “teoria delle aste” serve proprio per valutare come a seconda delle regole decise per le aste ci siano variazioni nelle modalità di offerta, e in ciò che determina il prezzo finale di vendita. Non è un lavoro semplice: in un’asta gli offerenti adottano numerose strategie, non sempre razionali, per cercare di ottenere il miglior risultato senza spendere troppo, e molto dipende spesso dalla quantità di informazioni cui hanno accesso e ciò che immaginano sappiano gli altri offerenti contro cui concorrono.

Nel corso della sua attività accademica, Wilson ha sviluppato una teoria per l’asta degli oggetti con un “valore comune”, cioè con un valore che inizialmente non è chiaro agli offerenti, ma che alla fine si rivela essere lo stesso per tutti. Nel caso delle frequenze radio, che sono di solito date in concessione dai governi per consentire agli operatori di utilizzarle per fornire i loro servizi, avviene qualcosa di questo tipo. Gli offerenti in una prima fase tendono a fare offerte al di sotto della loro stessa stima del valore comune per quel bene, perché secondo la teoria temono “la maledizione del vincitore”, e cioè la possibilità di ottenere sì il bene che desiderano, ma pagandolo comunque più del suo valore comune.

Milgrom ha invece lavorato su teorie delle aste più generalizzate, introducendo anche il concetto di “valore privato” oltre a quello comune, e che può quindi variare da offerente a offerente. Ha dimostrato come in vari formati d’asta il venditore possa aspettarsi ricavi più alti del previsto se gli offerenti hanno la possibilità di scoprire più cose sul valore che i loro concorrenti attribuiscono al bene all’asta.

Partendo da queste analisi, Wilson e Milgrom hanno elaborato nuovi formati d’asta, comprendendo per esempio la possibilità che un’asta sia indetta da un venditore per ottenere risultati positivi per la società più che per massimizzare il ricavo della propria vendita. Proprio una di queste tecniche fu impiegata dal governo degli Stati Uniti nel 1994 per mettere all’asta alcune frequenze radio per gli operatori delle telecomunicazioni. Negli anni successivi, lo stesso formato sarebbe stato impiegato da diversi altri paesi con scopi simili.

Paul R. Milgrom è nato nel 1948 a Detroit, negli Stati Uniti, ed è docente di Scienze umane presso la Stanford University.

Robert B. Wilson è nato nel 1937 a Geneva, negli Stati Uniti, ed è docente di Amministrazione presso la Stanford University.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.