Un transistor spesso nanometri come un atomo

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

Un transistor spesso nanometri come un atomo
Un transistor spesso nanometri come un atomo
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Un transistor da record: grazie alla tecnologia al grafene è spesso 0.34 nanometri, quanto un atomo. Una ricerca sperimentale ha dimostrato la possibilità di produrre un transistor con un semiconduttore di soli 0.34 nanometri, perfettamente funzionante: un passo avanti nei processi di miniaturizzazione davvero significativo e promettente.

Un team di ricerca della School of Integrated Circuits presso la Tsinghua University di Beijing, in Cina, ha annunciato il successo di una tecnica di utilizzo del grafene che ha condotto alla realizzazione di un transistor con un gate dello spessore di appena un atomo, pari a 0.34 nanometri.

Il gate del transistor spesso quanto un atomo: la ricerca è stata condotta in Cina
Il gate del transistor spesso quanto un atomo: la ricerca è stata condotta in Cina

L’annuncio, pubblicato sulla rivista Nature, ha presentato quindi il più piccolo gate nella storia dei transistor e, pur essendo la ricerca ancora allo stadio sperimentale, avendone dimostrato fattibilità e funzionamento spalanca le porte a scenari inediti e particolarmente promettenti in ambito di miniaturizzazione.

Cos’è un gate e come si è giunti a realizzarlo dello spessore di un atomo

Un transistor ad “effetto di campo” è composto da tre elementi: due elettrodi, detti “source” e “drain”, ed un semiconduttore che li separa, detto “gate”. E’ proprio il gate a determinare la dimensione complessiva di un transistor nonché la sua velocità di accensione e spegnimento, definita “switching”.

Dunque, tanto minori saranno le dimensioni del gate quanto maggiori saranno le prestazioni del transistor nonché migliori in termini di velocità di switching, di aumento della densità per accorpare più transistor ad un chip e di capacità di calcolo.

Le componenti di un transistor: elettrodi e gate
Le componenti di un transistor: elettrodi e gate

Prima di questa ricerca, il gate più piccolo mai realizzato era costituito da un singolo nanotubo di carbonio dello spessore di 1 nanometro. Per ridurlo ulteriormente, i ricercatori hanno applicato l’intuizione di utilizzare come gate il bordo di uno strato di grafene, ovvero un foglio di carbonio dello spessore di un atomo, tra due ossidi isolanti: uno di biossido di silicio ed uno di ossido di alluminio.

Sulla struttura, poi, è stato stratificato ossido di hafnio e, in seguito, disolfuro di molibdeno, un materiale semiconduttore, in modo che il bordo del grafene si trovasse in stretta prossimità con esso e potesse agire da gate per controllarne la conduttività.

Non è ancora possibile stabilire quando la scoperta potrà essere industrializzata e commercializzata
Non è ancora possibile stabilire quando la scoperta potrà essere industrializzata e commercializzata

Infine, ai lati del gate sono stati posizionati i due elettrodi del source e del drain, mostrando un ulteriore ed importante vantaggio che questa tecnica pare garantire: é risultato infatti che il loro posizionamento non debba risultare estremamente preciso per il corretto funzionamento del transistor.

Pur essendo allo stadio di sperimentazione embrionale, la ricerca – ancora assai lontana da una possibilità concreta di applicazione industriale e di commercializzazione – apre la strada verso possibilità di miniaturizzazione dei transistor mai sperimentate prima.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.