Un tessuto che rende invisibili ai radar

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Un tessuto che rende invisibili ai radar
Un tessuto che rende invisibili ai radar
Condividi l'Articolo

Dopo il mantello dell’invisibilità, oggi arriva la “meta-pelle”: un nuovo tessuto elettronico in grado di nascondere gli oggetti all’occhio attento dei radar. A idearla sono stati gli ingegneri della Iowa State University che hanno sviluppato un tessuto flessibileed elastico che utilizza piccoli dispositivi di metalloliquido capaci di alterare le onde elettromagnetiche, rendendo un oggetto invisibile ai radar.

La pelle elettronica è composta da fogli di siliconetra i quali ci sono dei dispositivi elettronici che neutralizzano i radar, ovvero catturano i segnali e non li riflettono. I radar, infatti, funzionano emettendo segnali e poi riascoltando l’eco che questi segnali creano quando vengono riflessi da una qualsiasi superficie. I dispositivi che catturano questi segnali sono i risonatori, composti da anelli aperti dello spessore di mezzo millimetro e di raggio di 2,5 mm, incorporati all’interno di strati di fogli di silicone. Al loro interno c’è il galinstan, una lega di gallio, indio estango, liquida a temperatura ambiente e meno tossica di altri metalli, come ad esempio il mercurio.

Mentre gli anelli creano induttori elettrici, gli spazi che li circondano producono condensatori elettrici: insieme generano un risonatore in grado di intrappolare e annullare le onde radar ad una certa frequenza. Allungando la meta-pelle, la dimensione degli anelli di metallo liquido cambia e di conseguenza si modifica la frequenza che i dispositivi possono intrappolare.

I test hanno evidenziato che il materiale è in grado di catturare circa il 75% delle onde elettromagneticheutilizzate dai radar, comprese tra 8 a 10 gigahertz. Quindi, quando gli oggetti sono avvolti nella “meta-pelle”, le onde radar vengono soppresse in tutte le direzioni incidenti.

“Di conseguenza”, spiegano gli esperti su Scientific Reports, “questa meta-pelle è diversa dalle tecnologie tradizionali che spesso riducono solo il “backscattering”, ossia la riflessione dei segnali che tornando indietro nella stessa direzione da cui essi provengono. Un giorno questo materiale potrebbe rivestire la superficie degli aerei di nuova generazione”. Ma i ricercatori mirano ancora più in altro, spiegando che “l’obiettivo a lungo termine è quello di ridurre ulteriormente le dimensioni di questi dispositivi, e farli funzionare anche alle frequenze della luce visibile e dell’infrarosso”.

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.