Trovati isotopi di antielio-4 dal rilevatore di antimateria

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Trovati isotopi di antielio-4 dal rilevatore di antimateria
Trovati isotopi di antielio-4 dal rilevatore di antimateria
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Cacciatore di antimateria Ams-02, grandi promesse dagli ultimi dati. Il fisico Battiston, potrà guardare più lontano.

Sono arrivati giusto in tempo per stuzzicare la curiosità, gli ultimi dati catturati dal cacciatore di antimateria Alpha Magnetic Spectrometer (Ams-02). Pubblicati sulla rivista Physical Review Letters dalla collaborazione scientifica guidata dal Cern, i dati riguardano la cattura delle prime particelle di elio cosmico: “E’ una misura che riguarda la materia, ma ci dà il riferimento di alcune caratteristiche che potrebbero essere trovate nell’antimateria, un miliardo di volte meno abbondante”, ha spiegato il fisico Roberto Battiston, che ha visto nascere l’Ams-02 a capo del contributo italiano coordinato da istituto nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

Lo strumento Ams-02 installato all'esterno della Stazione Spaziale Internazionale. L'immagine è del 2017 (fonte: NASA, Wikipedia)
Lo strumento Ams-02 installato all’esterno della Stazione Spaziale Internazionale. L’immagine è del 2017 (fonte: NASA, Wikipedia)

I nuovi dati sono arrivati pochi giorni prima della disattivazione di Ams-02, necessaria per installare il nuovo sistema di raffreddamento grazie alle passeggiate spaziali degli astronauti Luca Parmitano, dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), e Andrew Morgan della Nasa. I nuclei di elio sono abbondanti, presenti come sono in circa il 20% dei raggi cosmici, ossia nelle particelle cariche di energia che provengono dallo spazio profondo. In particolare sono state catturati isotopi di elio, ossia particelle con lo stesso numero di protoni ma diverso numero di neutroni, chiamati elio-3 ed elio-4. La cosa interessante, ha spiegato Battiston, è che entrambe si trovano nello stesso intervallo energetico dell’antielio-4.

Vale a dire che sono una sorta di specchio della loro controparte nell’antimondo. In passato non sarebbe stato possibile ottenere misure così precise, ma adesso “la ricerca sui raggi cosmici è entrata nell’era della precisione: adesso le cose sono più chiare e si possono vedere gli effetti”. Quella dell’elio cosmico, in particolare, “era una misura attesa da molto tempo – ha aggiunto – perché è sempre stata considerata il punto di riferimento per capire un possibile componente dell’antimateria”, come una sorta di specchio del loro opposto nel mondo dell’antimateria. Per il primo firmatario dell’articolo, Alberto Oliva, potrebbe essere l’inizio di un nuovo capitolo avvincente della ricerca sui raggi cosmici: “potremmo trovare qualcosa del tutto inaspettato, proprio come accade quando si entra in territori nei quali non era mai stata rilevata alcuna misura”.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.