Targata ancora Bologna la vittoria alla American Solar Challenge 2018

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Targata ancora Bologna la vittoria alla American Solar Challenge 2018
Targata ancora Bologna la vittoria alla American Solar Challenge 2018
Condividi l'Articolo

L’Italia trionfa all’American Solar Challenge. Messe di premi per il team tricolore nella corsa attraverso gli Usa delle macchine a energia solare. Un’avventura pressochè autofinanziata che è una grande vittoria della tecnologia italiana.

Riusciranno i nostri eroi?, mi sono chiesto in questi giorni mentre dagli Stati Uniti mi arrivavano notizie sempre più entusiasmanti dall’American Solar Challenge, la competizione più pazza dal mondo per macchine alimentate da energia solare, dal Nebraska all’Oregon, passando per il Wyoming e l’Idaho, l’America vera, quella del Far West, con i deserti, i canyon, le foreste. E loro, i concorrenti lì, come marziani, con queste automobili che sembrano piombate da un altro pianeta, come navicelle spaziali con le ruote e pannelli solari ovunque. Riusciranno i nostri eroi, mi chiedevo, quando ho saputo che il team italiano di Onda Solare, che qui risulta iscritto come “Bologna”, aveva passato le qualificazioni, che hanno eliminato 21 macchine su 28, compresi i fortissimi russi, ed era in finale contro le vetture delle migliori università americane, il MIT in testa.

È una magnifica follia, questa storia dell’auto solare, e io me ne sono innamorato da quando ho conosciuto Filippo Sala che in Italia è stato un pioniere e adesso anima questo team legato alla scuola Ferrari di Maranello, ai ricercatori universitari emiliani e a tutta quella filiera che va sotto il nome di Motor Valley. Ebbene, Onda Solare 4 ha vinto. Ha vinto nella categoria con più persone a bordo. Ha vinto il primo premio anche per i materiali. Ha vinto quello dell’efficienza energetica. Quello per il design. Ha vinto avendo scelto di non ricaricare mai la batteria: nel giorno in cui la Ferrari vera, quella di Sebastian Vettel, usciva di strada per la pioggia nel Gran premio di Formula 1, questa è arrivata prima al traguardo dopo 2735 chilometri percorsi in poco più di 58 ore, quasi 50 chilometri orari di media senza una goccia di benzina. Solo grazie al sole. E’ un piccolo grande trionfo. Della tecnologia italiana. Ma fatemelo dire, del cuore di questo team, che ha invano elemosinato sponsor e sostegni e che alla fine si è quasi autofinanziato. E che adesso è qui a dirci che la frontiera della mobilità e dell’energia forse si è finalmente spostata un po’ più in là.

E’ targata Bologna l’auto solare che ha stravinto la Solar Challenge: 2700 km attraverso gli Usa.

Una vittoria su tutti i fronti. Emilia 4, prodotto degli studiosi dell’Univeristà di Bologna, è stata la prima auto a tagliare il traguardo della Solar Challenge, il “gran premio” mondiale per auto solari, 2700 km dal Nebraska all’Oregon. Ma ha anche vinto il premio per la miglior meccanica e uso dei compositi e il premio per il miglior progetto della batteria. L’unica, fra i premiati, ad avere quattro posti.

L’unica a tagliare il traguardo utilizzando esclusivamente energia solare e senza collegarsi mai alla rete elettrica per ricaricare le batterie. Un gioiellino che consuma quanto un asciugacapelli; con due motori elettrici posizionati dentro alle ruote, è alimentata da cinque metri quadrati di pannelli solari ad alto rendimento collegati a batterie al litio di ultima generazione.

Il percorso dell’American Solar Challenge ha portato le vetture in gara fino a 2500 metri di altezza, attraverso la regione delle Montagne Rocciose. In dieci giorni i concorrenti hanno toccato Omaha, Grand Island, Gering, Casper, Lander, Farson, Mountain Home, Burns, fino all’ultima tappa, la città di Bend in Oregon

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.