Robot self-driving per Marte testati in Marocco

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Robot self-driving per Marte testati in Marocco.
Robot self-driving per Marte testati in Marocco.
Condividi l'Articolo

Agenzia Spaziale Europea, il 19 dicembre 2018 I robot hanno invaso il deserto del Sahara per il test sul campo del rover più grande d’Europa, svoltosi in una zona del Marocco simile a quella di Marte. Per due settimane tre rover e più di 40 ingegneri hanno testato sistemi di navigazione automatizzati in cinque diversi siti.

 Rover SherpaTT durante il test sul campo del Marocco
Rover SherpaTT durante il test sul campo del Marocco

Ciò ha segnato la fine della prima fase del cluster di ricerca strategica sulle tecnologie di robotica spaziale, un programma finanziato dal programma Orizzonte 2020 dell’Unione europea.
Il cluster è coordinato dal progetto PERASPERA Ad Astra (latino per ‘to the stars through hardships’), che è una partnership tra l’agenzia spaziale ASI in Italia, l’agenzia spaziale CNES in Francia, il DLR German Aerospace Centre, l’agenzia spagnola di tecnologia CDTI e il Regno Unito Space Agency, UKSA , coordinato dall’ESA.

La sede del test sul campo, organizzato dal DFKI Robotics Innovation Center tedesco, era un sito servito dall’Ibn Battuta Center , vicino a Erfoud, all’estremità settentrionale del deserto del Sahara. L’ambiente desertico spazzato dal vento è stato selezionato dall’Europlanet Research Infrastructure dell’UE come una buona partita per Marte, e molti altri sono d’accordo: le squadre hanno finito per condividere la location con una troupe cinematografica di Hollywood e documentari cinesi.

 Rover Mana e Minnie
Rover Mana e Minnie

“Ciò che questo tipo di test sul campo ti dà è la prova del budino che il tuo progetto sta funzionando bene, anche in alcuni degli ambienti più difficili che possiamo immaginare”, spiega Gianfranco Visentin, responsabile della sezione Automazione e Robotica dell’ESA.

“I test di laboratorio dell’hardware che progettiamo non tengono conto della variabilità che la natura porta, dalla luce del cielo alla forma del paesaggio, alla trama e ai colori della sabbia e della roccia. Operare all’aperto in questo modo dimostra che i nostri sistemi funzionano in impostazioni molto più complesse ed elaborate di quanto non si possa mai simulare.

“Per dare un esempio durante questo test sul campo, l’uniformità e l’omogeneità di alcune delle grandi dune di sabbia si sono rivelate difficili da esplorare per gli algoritmi di visione artificiale, poiché si basano sull’identificazione di caratteristiche basate sulla differenza, quindi hanno iniziato a comportarsi in modi imprevisti non abbiamo visto prima.

“I nostri eccellenti risultati hanno incluso anche alcuni buoni successi: il rover SherpaTT ha gestito un viaggio di 1,3 km su una base completamente autonoma, mentre il suo elemento scientifico autonomo ha innescato un’acquisizione scientifica da sola, senza alcuno sforzo: ha individuato alcune strane pietre sagomate quindi ha chiesto il principale pianificatore per spostarsi in una posizione migliore per scattare più immagini.

“Questo è importante per il futuro, quando ci saranno molti più rover che andranno su Marte e si sposteranno a centinaia di metri al giorno. Non ci saranno scuole di analisti per esaminare ogni immagine – saranno necessari sistemi di rover intelligenti per rilevare ciò che è interessante e inviarlo sulla Terra. “

 Ingegneri che osservano il progresso del rover
Ingegneri che osservano il progresso del rover

Come contributo essenziale prima dell’inizio dei test, l’ESA ha pilotato un drone per mappare la posizione, producendo modelli di elevazione digitale fino a una risoluzione di 4 cm. Questo ‘truthing terreno’ era necessario per confrontare i dati del rover con la realtà osservata.

 Drone per la mappatura
Drone per la mappatura

La combinazione della mappa dell’ESA e dei dati raccolti dai vari rover costituisce il più grande set di dati di test analogici mai realizzato e verrà utilizzata per convalidare algoritmi per le proprie attività dell’ESA.

 Casa base
Casa base

Il test sul campo comprendeva i partecipanti del DFKI tedesco e dell’Istituto di robotica e meccatronica DLR , Space Application Services in Belgio, Magellium e il laboratorio per l’analisi e l’architettura dei sistemi, LAAS , in Francia, GMV in Spagna, Kings College London e Airbus nel Regno Unito .

PERASPERA si appresta a passare a una nuova fase, basandosi sui risultati dimostrati nel field test, culminati in una missione spaziale per dimostrare la robotica orbitale intorno al 2023.

 Tende sotto il cielo del deserto
Tende sotto il cielo del deserto

Originale dell’articolo in Inglese: https://www.esa.int/Our_Activities/Space_Engineering_Technology/Self-driving_rovers_tested_in_Mars-like_Morocco

 

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.