Quando cadrà la macchina Tesla Roadster lanciata da SpaceX

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Quando cadrà la macchina Tesla Roadster lanciata da SpaceX
Quando cadrà la macchina Tesla Roadster lanciata da SpaceX
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

SpaceX: quante probabilità ha la Tesla Roadster di impattare con la Terra? SpaceX: prima o poi l’auto spaziale tornerà sulla Terra. Ma niente panico: succederà tra molti, molti anni.

La resistenza della Tesla Roadster nello Spazio potrebbe superare ogni più rosea aspettativa di Elon Musk: il bizzarro carico del Falcon Heavy è stato lanciato verso Marte il 6 febbraio scorso, ma la gravità solare lo riporterà entro qualche mese in un’orbita ellittica destinata a incrociare periodicamente quelle di Marte, della Terra e di Venere.

La sua orbita finale somiglierà a quella degli asteroidi near Earth che transitano nel Sistema Solare interno… Attenzione attenzione… vuol dire che Starman e il suo bolide potrebbero sentire nostalgia di casa e schiantarsi sulla Terra? Un gruppo di scienziati dell’Università di Toronto (Canada) ha inserito nei software di solito utilizzati per ricavare l’orbita di pianeti ed esopianeti i parametri orbitali della Tesla, il cui tragitto finale è al momento impossibile da predire con assoluta certezza.

DON’T PANIC. Il primo passaggio in prossimità della Terra dell’auto che presto diventerà la più vecchia e obsoleta del mondo è previsto per il 2091 e molti ne seguiranno nei millenni successivi. Nel primo milione di anni di viaggio l’auto avrà il 6% di probabilità di impattare con il nostro Pianeta, e il 2,5% di finire contro Venere. Dopo 3 milioni di anni, le chance di collisione salgono complessivamente al 10%. E poi?

Per gli autori di questo non richiesto studio, la Tesla ha il 50% di chance di sopravvivere diverse decine di milioni di anni – ma a quel punto sarà ormai ridotta a un ammasso poco riconoscibile di componenti meccaniche. In ogni caso, se dovesse tornare a casa, non occorrerebbero comitati di benvenuto: finirebbe probabilmente polverizzata in atmosfera, o qualche suo frammento raggiungerebbe un’area remota (oppure Musk provvederà per tempo a costruirci sotto un’autodemolizione).

Se siete preoccupati per la Tesla Roadster e la sua orbita, non perdetevi questa video-intervista a Gianluca Masi, astronomo fondatore del Virtual Telescope, che è riuscito a filmarla.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.