Più di 90 vaccini per il Covid-19, ma quale sarà scelto ?

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Più di 90 vaccini per il Covid-19, ma quale sarà scelto ?
Più di 90 vaccini per il Covid-19, ma quale sarà scelto ?
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Decine di vaccini coronavirus sono in competizione – come faranno gli scienziati a scegliere il meglio? Sviluppatori e finanziatori stanno gettando le basi per le sperimentazioni di efficacia, ma solo una manciata di vaccini rischiano di fare il taglio. Meno di cinque mesi dopo che il mondo ha appreso per la prima volta il nuovo coronavirus che causa una polmonite fatale a Wuhan, in Cina, ci sono più di 90 vaccini per il virus in varie fasi di sviluppo, con altri annunciati ogni settimana. Almeno sei sono già in fase di test per la sicurezza nelle persone.

Ora, sviluppatori, finanziatori e altre parti interessate stanno gettando le basi per la loro sfida più grande ancora: determinare quali vaccini effettivamente funzionano.

Questo in genere comporta dare a migliaia o decine di migliaia di persone un vaccino o un placebo e vedere, nel corso di mesi o addirittura anni, se c’è una differenza tra i due gruppi in quante persone vengono infettate nel corso della loro vita quotidiana, oltre a controllare che non emergano problemi di sicurezza.

La corsa ai vaccini coronavirus: una guida grafica

Ma in questa pandemia, gli scienziati dovranno accelerare e snellire questo processo. Un vaccino può essere l’unico modo per generare l’immunità al virus in una popolazione: nonostante i milioni di casi di coronavirus in tutto il mondo, alcuni studi preliminari suggeriscono che solo una piccola frazione di persone in regioni anche colpite duramente sono state infettate da SARS-CoV-2, e la loro immunità non è chiara.La corsa ai vaccini coronavirus: una guida grafica

Questo mese, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) a Ginevra, Svizzera, ha delineato i piani per uno studio clinico che testerà numerosi vaccini in un unico studio. Alcuni sviluppatori e finanziatori hanno piani per i propri studi di efficacia. Restano tuttavia questioni fondamentali, quali i vaccini saranno testati per primi, o per niente, e come la loro efficacia sarà misurata e confrontata.

“Richiederà un livello di coordinamento mai esitato prima e un periodo di tempo che non è mai stato nemmeno immaginato”, afferma Mark Feinberg, presidente e amministratore delegato dell’International AIDS Vaccine Initiative (IAVI) a New York. “Non si possono portare 200 vaccini in sperimentazioni di efficacia”, afferma Seth Berkley, amministratore delegato di Gavi, la Vaccine Alliance di Ginevra, che finanzia le vaccinazioni nei paesi a basso e medio reddito.

Processo di formazione

La sperimentazione sui vaccini di solidale proposta dall’OMS cerca di accelerare lo sviluppo con un progetto adattivo. Ciò consente di aggiungere vaccini alla sperimentazione su base continuativa. I partecipanti saranno arruolati continuamente e i vaccini che non sembrano funzionare possono essere eliminati dai test.Don’t rush to deploy COVID-19 vaccines and drugs without sufficient safety guarantees

Secondo Marie-Paule Kieny, direttrice della ricerca presso l’Istituto nazionale francese francese di salute e ricerca medica di Parigi, l’OMS deve ancora formulare dettagli, come la misurazione dell’efficacia di un vaccino. Ma lei pensa che il suo approccio generale abbia un senso. “Una delle sfide è la definizione delle priorità, quale vaccino dovrebbe testare per primo”, afferma.

L’OMS ha istituito un gruppo di esperti per dare priorità ai vaccini per l’inclusione nel suo studio, ma è improbabile che sia l’unica organizzazione che cerca di farlo. “Un certo allineamento strategico e coordinamento in questo sforzo sarà di fondamentale importanza o altrimenti diventerà molto caotico”, afferma Feinberg. Ma il piano dell’OMS “da solo potrebbe non essere sufficiente”, aggiunge.

Il National Institutes of Health degli Stati Uniti (NIH) a Bethesda, Maryland, questo mese ha svelato una partnership con più di una dozzina di aziende che mira a coordinare lo sviluppo di farmaci e vaccini per il coronavirus. E la Coalizione di Preparazione Epidemica (CEPI), una base globale che finanzia lo sviluppo di vaccini, sta sostenendo 9 diversi vaccini. L’organizzazione no-profit spera di raccogliere 2 miliardi di dollari per pagare le sperimentazioni di efficacia, produzione e altri costi, dice Melanie Saville, direttore della ricerca e sviluppo dei vaccini dell’organizzazione.

I criteri per dare priorità ai vaccini per l’efficacia potrebbero includere la sua capacità produttiva e la risposta immunitaria generata nelle prime sperimentazioni umane e negli studi sugli animali, dice Kieny, così come l’espeIf a coronavirus vaccine arrives, can the world make enough?rienza dei regolatori con il tipo specifico di vaccino. Alcuni dei tipi di vaccino in fase di sviluppo, come i vaccini all’RNA, non sono stati ampiamente testati nelle persone o utilizzati in un vaccino che ha ottenuto l’approvazione normativa.

Un vaccino sviluppato presso il Jenner Institute presso l’Università di Oxford, Regno Unito, è attualmente in fase iniziale di sperimentazioni. “C’è una ragionevole possibilità che saremo in grado di raccogliere l’efficacia del vaccino nei prossimi due mesi,” Andrew Pollard, un ricercatore di malattie infettive a Oxford che conduce lo studio, ha detto in un briefing stampa online.

Un piccolo numero di sviluppatori con piani e finanziamenti per ottenere il loro vaccino approvato e scalare la produzione probabilmente chiamerà i colpi per quanto riguarda come prove di efficacia sono fatti, dice Rip Ballou, un leader del programma a IAVI. “Fare una sperimentazione di fase III per dimostrare l’efficacia non ha senso se non è accoppiato a un piano per licenza e consegna in base a qualche autorità di regolamentazione,” dice. “C’è solo una manciata di giocatori che saranno in grado di soddisfare quel bar molto alto. Perché in caso contrario, è una pubblicazione. Non è un vaccino.”

Un colpo giusto

Un’altra sfida consisterà nel determinare il confronto tra i diversi vaccini. La proposta dell’OMS per uno studio di efficacia potrebbe consentire di confrontare direttamente le prestazioni di diversi vaccini, ma Kieny pensa che alcuni sviluppatori potrebbero non essere disposti ad accettarlo perché potrebbe danneggiare le prospettive commerciali di un vaccino.

Swati Gupta, Vice Presidente di IAVI e Responsabile delle Malattie Infettive Emergenti e Strategia ScieHundreds of people volunteer to be infected with coronavirusntifica, dice che gli sviluppatori di vaccini vorranno capire come vengono prese le decisioni chiave prima di impegnarsi in sperimentazioni che comportano confronti con altri vaccini, per assicurarsi che i loro vaccini abbiano “un giusto colpo a poter mostrare la sua efficacia”.

Ma è essenziale essere in grado di confrontare diversi vaccini, anche se richiede agli sviluppatori di vaccini di mettere da parte i loro interessi a breve termine, dice Charlie Weller, responsabile del vaccino presso l’associazione biomedica Wellcome Trust a Londra. “Lavorano in base a modelli di business commerciali. Questo non funzionerà per la situazione in cui ci troviamo ora”, dice.

La domanda globale prevista per un vaccino coronavirus potrebbe rendere gli sviluppatori più disposti a collaborare. “Abbiamo bisogno di più di un vaccino”, dice Kieney. “Il monopolio è sempre molto cattivo, e nessuno dei vaccini può avere abbastanza capacità di produzione.”

Un fattore che potrebbe incoraggiare tale cooperazione è la geografia mutevole della pandemia. “La Cina sarebbe stato un ottimo posto a Wuhan per fare studi di efficacia due mesi fa,” dice Berkley. “L’Italia sarebbe stato un ottimo posto per farlo un mese fa.” Di conseguenza, gli sviluppatori hanno un incentivo a partecipare a iniziative come l’OMS o il NIH, a causa del loro accesso alle infrastrutture di sperimentazione clinica in tutto il mondo che potrebbero portare vaccini dove ci sono casi di coronavirus. “Dobbiamo essere agili”, aggiunge Gupta.

Uso di emergenza

Mentre la maggior parte degli esperti vede le grandi sperimentazioni come una necessità per garantire che i vaccini coronavirus siano sicuri ed efficaci, alcuni sviluppatori stanno esaminando alternative.

Un’opzione è quella di cercare segni che un vaccino funziona in sperimentazioni in fase iniziale che coinvolgono centinaia di partecipanti, e quindi chiedere il permesso alle autorità di regolamentazione di distribuire il vaccino secondo regole di “uso di emergenza” in gruppi ad alto rischio, come gli operatori sanitari, che hanno maggiori probabilitàUn vaccino sperimentale per COVID-19 da Sinovac Biotech a Pechino.Credito: Nicolas Asfouri/AFP/Getty di essere infettati dal coronavirus. Le autorità di regolamentazione come la Food and Drug Administration degli Stati Uniti possono concedere un uso di emergenza, mentre vengono raccolti dati aggiuntivi per concedere in licenza un vaccino.

Cansino Biologics a Tianjin, Cina, che sta sviluppando un vaccino composto da una forma chimicamente inattivata di virus SARS-CoV-2, prenderà in considerazione questo approccio, secondo un portavoce della società. Johnson e Johnson hanno detto in un comunicato stampa che il suo vaccino potrebbe essere pronto per l’uso di emergenza all’inizio del 2021.

Il vaccino non è mai stato dispiegato in base alle disposizioni di emergenza per l’uso di emergenza, afferma Katherine O’Brien, che dirige le vaccinazioni, i vaccini e il dipartimento biologico dell’OMS. Se i vaccini coronavirus seguono questa strada, i regolatori cercheranno una maggiore rassicurazione che un vaccino è sicuro. “Non c’è nessun compromesso che possa essere fatto sui problemi di sicurezza”, aggiunge O’Brien.

Momentum sta costruendo per una proposta ancora più radicale per determinare quali vaccini funzionano: infettare intenzionalmente giovani volontari sani, negare la necessità di attendere che i partecipanti alla sperimentazione si contano naturalmente. Questi studi sulla “sfida umana” sono già utilizzati per studiare malattie infettive come la malaria e la dengue, e alcuni ricercatori affermano che dovrebbero essere considerati per accelerare lo sviluppo di vaccini coronavirus.

Berkley afferma che le sperimentazioni di sfida potrebbero essere utilizzate per determinare rapidamente quali vaccini avanzano a sperimentazioni su larga scala. Ma pensa che possano essere troppo rischiosi senza un farmaco efficace o un test genetico per identificare i giovani individui rari che potrebbero sviluppare una malattia grave. “Fino a quando non avrai un trattamento riconosciuto, penso che sia una storia piuttosto difficile”, dice.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.