Piccoli impulsi elettrici nel cervello stimolano i mitocondri

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Piccoli impulsi elettrici nel cervello stimolano i mitocondri
Piccoli impulsi elettrici nel cervello stimolano i mitocondri
Condividi l'Articolo

Parkinson: la stimolazione cerebrale profonda ricarica le batterie delle cellule cerebrali. Un trattamento chirurgico somministrato a una piccola quantità di pazienti dà buoni risultati perché aumenta il numero e il rendimento dei mitocondri, le centrali energetiche delle cellule. Le ragioni dell’efficacia della procedura non erano ancora note.

Un piccolo studio preliminare compiuto dai ricercatori dell’Imperial College London fornisce nuovi indizi sul perché un trattamento usato per lenire i sintomi del Parkinson su pazienti che non trovano giovamento dai farmaci sia somministrato, con buoni risultati, da una ventina d’anni.

La degenerazione dei neuroni dopaminergici caratteristica della malattia di Parkinson: un'illustrazione scientifica.
La degenerazione dei neuroni dopaminergici caratteristica della malattia di Parkinson: un’illustrazione scientifica.

La stimolazione cerebrale profonda (deep brain stimulation, DBS) prevede l’inserimento di un elettrodo in un punto preciso del cervello collegato a un generatore di impulsi (un pacemaker) nella regione sottocutanea del torace. I piccoli impulsi elettrici che arrivano al cervello aiutano a ottenere una riduzione temporanea, ma significativa, dei sintomi più evidenti della malattia di Parkinson, come i tremori nei movimenti.

Sabato 23 marzo 2019 si tiene a Firenze il 41° Convegno Nazionale dell’Associazione Italiana Parkinsoniani (AIP), tradizionale appuntamento che promuove la corretta informazione sulla malattia di Parkinson e parkinsonismi, con la presenza di medici e ricercatori di assoluta rilevanza nel trattamento della malattia. Il convegno è l’occasione per fare il punto sullo stato della ricerca, sui nuovi farmaci a disposizione, sulle nuove terapie chirurgiche poco traumatiche e sulla ricerca scientifica. Per informazioni sul programma e sulla disponibilità di posti: parkinson.it.

Un numero limitato di pazienti, in fase avanzata della patologia e poco sensibili ai farmaci, finisce per ricevere il trattamento. Ma a fronte di risultati soddisfacenti, il motivo del funzionamento della DBS è rimasto a lungo poco chiaro. Il nuovo studio sembra indicare che la stimolazione cerebrale profonda incrementi e fortifichi le “pile” delle cellule cerebrali, i mitocondri. Questo beneficio riattiverebbe i neuroni danneggiati determinando un miglioramento motorio.

Meno controllo. La malattia di Parkinson, che secondo alcune stime interesserebbe almeno mezzo milione di pazienti in Italia, comporta la progressiva perdita di cellule in un’area del cervello chiamata substantia nigra o sostanza nera, che produce il neurotrasmettitore dopamina, fondamentale per distribuire i “comandi” per il controllo dei movimenti del corpo. Come risultato, chi è colpito dalla malattia avverte tremori, lentezza e incertezza nell’iniziare a muoversi, disfagia (difficoltà a deglutire): sintomi che rendono sempre più complesso gestire le attività di tutti i giorni.

Le cause iniziali della malattia non sono note, ma un recente filone di studi ha evidenziato che i neuroni della sostanza nera dei pazienti hanno meno mitocondri – le strutture che forniscono energia alle cellule e che le tengono in vita.

Mitocondri “dopati”. Gli scienziati britannici hanno studiato le cellule cerebrali di tre pazienti con Parkinson deceduti che erano stati trattati con DBS; di quattro che avevano avuto il Parkinson ma non avevano ricevuto il trattamento; e di tre senza Parkinson. Le cellule cerebrali dei pazienti del primo gruppo mostravano un più alto numero di mitocondri, e in dimensioni maggiori, di quelli non trattati: una caratteristica che sembra suggerire una migliore produzione energetica.

Se i risultati fossero confermati su un numero maggiore di pazienti, si potrebbero studiare nuovi trattamenti per prolungare vita e funzioni dei mitocondri, anche a livello farmacologico: si punterebbe così tenere a bada più a lungo i sintomi della malattia, con procedure meno invasive.

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.