L’intelligenza artificiale impiegata nella guida autonoma di treni

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
L'intelligenza artificiale impiegata nella guida autonoma di treni
L'intelligenza artificiale impiegata nella guida autonoma di treni
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

Prima rete treni merci autonomi operativa in Australia. Il sistema riduce il numero di volte in cui il treno deve fermarsi per l’avvicendamento del personale tecnico.

Nella giornata di venerdì 28 dicembre 2018, il potente colosso minerario Rio Tinto ha annunciato che il suo sistema di treni autonomi AutoHaul ha percorso più di un milione di chilometri da quando la rete è stata introdotta per la prima volta nello scorso mese di luglio. Rio Tinto chiama il suo sistema di treni autonomi, ora pienamente operativo, “il più grande robot del mondo”.

Il sistema ferroviario serve 14 miniere che riforniscono 4 terminal portuali. Per il momento le due miniere più vicine ai porti sono presidiate da personale umano perché sono tratti molto brevi, ma il resto si gestisce in totale autonomia.
AutoHaulRio Tinto ha impiegato 10 anni per rendere funzionante questo avveniristico sistema, spendendo 1,3 miliardi di dollari australiani (circa 800 milioni di euro). I treni sono monitorati da remoto da un equipaggio situato a 1.500 km di distanza nella cittadina di Perth.

Secondo la compagnia mineraria, i treni autonomi sono in grado di monitorare le rotaie, al fine di assicurarsi che non vi si trovino ostacoli. Controllano anche i sistemi interni, verificando il funzionamento delle ruote e degli accoppiatori.

Il sistema di treni autonomi consentirà a Rio Tinto di ridurre il numero di fermate che bisogna effettuare lungo il tragitto per il cambio del conducente e del personale tecnico, velocizzando i trasporti. Per gli spostamenti necessari alle procedure di cambio del personale tecnico, in passato questi treni in un anno dovevano percorrere 1,5 milioni di chilometri in più.

Inoltre, adesso la loro velocità aumenta del 6% grazie all’esclusione dei tempi morti dovuti alle frenate e alle accelerazioni necessarie per il cambio del personale. Rio Tinto si aspetta che il suo sistema AutoHaul consenta di aumentare la capacità di produzione di minerale di ferro della regione di 20 milioni di tonnellate.Il trasporto ferroviario, e non solo, è uno dei campi di ricerca di soluzioni di intelligenza artificiale maggiormente attivi, pur mediaticamente sia meno di richiamo rispetto alle auto o ai camion a guida autonoma.

Altre informazioni su AutoHaul si trovano a questo indirizzo.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.