Ligo e Virgo catturano segnali di onde gravitazionali

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Ligo e Virgo catturano segnali di onde gravitazionali
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me

Onde gravitazionali, catturati 4 nuovi possibili segnali. L’osservazione ottenuta grazie a Ligo negli Usa e Virgo in Italia. Fermento tra fisici e astronomi: l’ultimo segnale sembrerebbe provocato dalla collisione di due stelle di neutroni.

Quattro nuovi segnali dall’universo, probabilmente generati da onde gravitazionali, sono stati intercettati ad aprile dopo la riaccensione dei rivelatori Ligo e Virgo negli Stati Uniti e in Italia: i primi tre segnali sembrerebbero riconducibili alla fusione di buchi neri, mentre l’ultimo segnale, catturato il 25 aprile, sta suscitando grande fermento tra gli astronomi perché sembrerebbe provocato dalla collisione di due stelle di neutroni. Se confermato, questo evento potrebbe rivelarsi una miniera di informazioni come quello che nel 2017 ha permesso l’osservazione della controparte visibile di una sorgente di onde gravitazionali aprendo le porte alla nuova astronomia multimessaggera.Onde Gravitazionali

La notizia, anticipata su Twitter della collaborazione Ligo della National Science Foundation, è confermata anche dal fisico Giovanni Prodi, professore all’Università di Trento e associato all’Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn), nonché coordinatore dell’analisi dati dell’osservatorio europeo Virgo a Cascina. “I segnali che abbiamo captato sembrano molto convincenti, ma è troppo presto per fare annunci, perché sono ancora in corso le verifiche che richiederanno qualche mese”.

L’ultimo segnale intercettato il 25 aprile “sarà quello più difficile da ricostruire – spiega Prodi – perché il fenomeno è stato osservato solo da due rivelatori, mentre il terzo non era in funzione: al momento abbiamo dato agli astronomi informazioni piuttosto vaghe sulla posizione nel cielo e sulla distanza a cui sarebbe avvenuto l’evento, ma contiamo di affinare i dati nei prossimi giorni”. Per ora sembra che la sorgente del segnale sia più debole e lontana di quella individuata nel 2017, e per questo trovarla sarà una sfida ancora più ardua: “la volta scorsa gli astronomi dovettero vagliare una cinquantina di galassie che potevano ospitare l’evento, mentre stavolta saranno migliaia”. Probabilmente martedì ci sarà già una prima comunicazione ufficiale, “perché si chiude il primo mese di raccolta dati ed è tempo di fare bilanci”.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.