Le ultime da Moriond su Lhc

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Le ultime da Moriond su Lhc
Le ultime da Moriond su Lhc
Condividi l'Articolo

C’è fibrillazione nel mondo della fisica delle particelle per un bump, un piccolo picco a 750 GeV di massa, che corrisponde a un eccesso di coppie di fotoni energetici, presentato pubblicamente per la prima volta al Cern di Ginevra a dicembre 2015. I dati del primo run, scrutinati in maniera più approfondita nel corso di questi ultimi mesi, sono stati presentati dalle collaborazioni Atlas e Cms alla 51° conferenza deiRencontres de Moriond, dedicata alle Electroweak Interactions and Unified Theories, in corso di svolgimento a La Thuile dal 12 al 19 marzo 2016. Hanno una statistica leggermente maggiore rispetto agli stessi dati dell’inverno, ma l’eccesso di eventi nel picco non ha ancora raggiunto i cosiddetti 5 sigma di significanza. Una soglia limite, a partire dalla quale si può escludere che il picco è dovuto a fluttuazioni statistiche casuali ed è invece possibile parlare di osservazione, in questo caso di un’eventuale nuova particella. In assenza di nuovi dati e della giusta significatività statistica, i fisici del Cern per il momento non si sbilanciano, e rimandano alla nuova presa dati di Lhc, che inizierà nelle prossime settimane.Ma se il mondo dei fisici delle particelle è ancora piuttosto prudente, non altrettanto accade tra i media specializzati. All’inizio di marzo il servizio di copertina della rivista di divulgazione scientifica New Scientist titolava: “Più grande del bosone di Higgs, più grande perfino delle onde gravitazionali”, in riferimento alla notizia di questo possibile picco, osservato indipendentemente sia da Atlas che da Cms, relativo a una particella che avrebbe una massa circa cinque volte superiore a quella del bosone di Higgs scoperto nel luglio 2012. Secondo il servizio della rivista britannica, se questo picco dovesse essere confermato, potrebbe “aprire una porta su un mondo sconosciuto e inesplorato”. Nell’articolo di New Scientist si legge, inoltre: “Dimenticate le onde gravitazionali, il 2016 potrebbe essere ricordato come l’anno in cui è stata svelata una nuova immagine della natura a livello fondamentale”.

Sulla stessa lunghezza d’onda la rivista Nature, che in un editoriale scrive: “Se una nuova particella esistesse, le implicazioni sarebbero enormi. Proprio perché così inattesa – sottolinea Nature – potrebbe rappresentare la più importante scoperta in fisica delle particelle dai tempi dei quark, i costituenti elementari di protoni e neutroni”. Non resta, quindi, che attendere la ripartenza di Lhc, prevista per aprile 2016 dopo la consueta pausa invernale, e l’analisi dei nuovi dati che saranno raccolti e presentati alle conferenze estive.

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.