La ragnatela dell’uomo ragno creata in laboratorio

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
La ragnatela dell'uomo ragno creata in laboratorio
La ragnatela dell'uomo ragno creata in laboratorio
Condividi l'Articolo

Creata la ragnatela super resistente. È più forte dell’acciaio, anche se è fatta quasi solo di acqua. È la ragnatela artificiale creata nei laboratori dell’Università di Cambridge.

Da sempre i ricercatori cercano di sfruttare le caratteristiche di resistenza e leggerezza della seta tessuta dai ragni. Ma sempre senza risultati eclatanti: allevare i ragni come si fa con i bachi da seta si è rivelato un compito impossibile, dato che tendono a divorarsi tra di loro. E i tentativi di creare in laboratorio un materiale che ne imiti le caratteristiche hanno comportato finora grosse difficoltà e pochi risultati concreti. Fino ad oggi.

ACQUA E POCO PIÙ. Le nuove fibre sono state create nel laboratorio dell’Università di Cambridge (Regno Unito) a partire da un materiale chiamato idrogel, composto per il 98 per cento di acqua e per il 2 per cento di silice e cellulosa, tenuti insieme da particolari molecole.

Nella lavorazione, le fibre possono essere estratte dal gel: l’acqua evapora, e rimane il filo super-resistente, leggero e molto flessibile (vedi video a fine pagina). Tutta questa lavorazione può avvenire a temperatura ambiente e senza l’uso di solventi chimici, il che significa che è assai pulita rispetto alla produzione di materiali come il nylon.

MULTIUSO. Per ora ne sono stati prodotti solo poche decine di milligrammi, ma i ricercatori sperano che il processo possa presto essere replicato su larga scala. La tela di ragno artificiale potrebbe servire per i più svariati usi, dalla produzione di caschi per le bici alle ali degli aerei, dal filo per suture chirurgiche riassorbibili alla tela per paracadute e ai giubbotti antiproiettile.

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.